Parroco di San Feliciano arrestato per prostituzione minorile

Il gip: intratteneva rapporti virtuali con le sue vittime in cambio di denaro
Canali:
Magione

Don Vincenzo Esposito, il prete 63enne della parrocchia di San Feliciano è stato arrestato con l'accusa di prostituzione minorile dai Carabinieri su ordine del gip di Palermo. Ai domiciliari anche una donna di Termini Imerese, la madre della presunta vittima delle “attenzioni” del prelato.

Secondo quanto emerso dalle intercettazioni dei militari, la donna avrebbe acconsentito a che il figlio minore avesse rapporti virtuali con il sacerdote. Le indagini avrebbero appurato uno scambio di denaro tra l'uomo e la donna di 51 anni.

Nell'ordinanza del Giudice si legge «Sebbene non sia affiorata la prova certa di incontri diretti o rapporti sessuali avvenuti in presenza tra il parroco e i minori si delinea ugualmente una condotta di estrema gravità».

«Con cadenza quasi giornaliera – continua il Giudice - il sacerdote è solito intrattenere rapporti telematici di natura esclusivamente sessuale con minorenni, li induce a compiere atti di autoerotismo, talvolta in presenza fra loro, dietro la promessa e la corresponsione di somme di denaro che vengono caricate sulle loro Poste Pay»

Don Vincenzo Esposito si trova attualmente rinchiuso nel carcere di Spoleto.

La nota dell’Archidiocesi

L’Archidiocesi di Perugia-Città della Pieve prende atto con stupore e dolore della notizia circa l’arresto del Sac. Vincenzo Esposito, Parroco di San Feliciano (Pg), e assicura la più completa disponibilità alla collaborazione con l’autorità giudiziaria per il raggiungimento della verità dei fatti.

Secondo le prime informazioni raccolte dall’Archidiocesi - che al momento non ha ricevuto comunicazioni ufficiali da parte dell’autorità giudiziaria - don Vincenzo Esposito è accusato di prostituzione minorile.

Al riguardo l’Archidiocesi ritiene di dover precisare che mai alcuna segnalazione è giunta all’Autorità ecclesiastica relativa ai fatti oggetto dell’indagine. Rimane comunque prioritario l’impegno ad approfondire con diligenza i fatti, applicando le indicazioni dettate dalla normativa canonica e seguire le eventuali indicazioni offerte dalla Santa Sede.

L’Arcivescovo di Perugia-Città della Pieve, Sua Eminenza Card. Gualtiero Bassetti, profondamente rattristato, esprime la propria vicinanza, umana e spirituale, alla comunità parrocchiale di San Feliciano e in particolare a tutti coloro che sono coinvolti nella vicenda.