Un album con i volti del Rugby Perugia per tenere vivo lo spirito sportivo

Iniziativa della società biancorossa per coinvolgere le famiglie pur non potendo giocare - Attualmente si allenano solo serie A, Under 18 e Under 16. Fermo il Mini Rugby
Perugia

“In questo drammatico contesto pandemico non ci siamo comunque voluti fermare e abbiamo trovato un modo alternativo per tenere unita la nostra grande famiglia”. Così la responsabile del Mini Rugby Perugia Alessandra Di Scanno ha presentato l’album 2020-2021 della società sportiva Rugby Perugia. Un’iniziativa nata dalla volontà del presidente Ruggero Renetti e del vicepresidente Federico Bevilacqua di mantenere vivo lo spirito del rugby, nelle famiglie che frequentano il club, anche in un momento in cui non è possibile giocare.

L’album. All’interno dell’album sono raffigurati i circa 230 volti e nomi degli uomini, delle donne, dei ragazzi e dei bambini che fanno parte di questa storica realtà sportiva cittadina. Si parte dai dirigenti per proseguire con gli staff medico e tecnico, e quindi gli allenatori. Subito dopo troviamo le formazioni di serie A, maschile e femminile, la squadra di serie C, l’Under 18, l’Under 16, l’Under 14/16 femminile, l’Under 14 e, infine, il Mini Rugby.

Il sorriso dei bambini. “In una stagione particolarmente complicata a livello sportivo – ha spiegato ancora Di Scanno –, abbiamo voluto regalare un momento di spensieratezza, facendo anche sentire ogni atleta come parte fondamentale della nostra società. È un’idea alternativa e un regalo di grande impatto emotivo per tutti: è bello vedere la propria figurina su un album di una società così importante qual è, appunto, il Rugby Perugia. Ed è meraviglioso vedere il sorriso dei ragazzi al momento della consegna. È un’emozione che ci ha donato una forza immensa nel voler combattere questa pandemia”.

Chi si allena e chi non può. Attualmente, le uniche categorie che possono allenarsi, rispettando ovviamente tutte le misure di sicurezza previste a livello federale, sono la serie A maschile e la serie A femminile, l’Under 18 e l’Under 16. Ferme tutte le altre squadre.

Riaprire in sicurezza. “La situazione – ha raccontato Di Scanno – è complicata per i bambini perché da ottobre non possiamo fare alcun tipo di attività o di allenamento. I genitori ci chiedono di riaprire e anche noi spingiamo in tal senso perché abbiamo tanto spazio che ci consente di lavorare in sicurezza, a livello individuale e suddividendo le squadra in vari orari. Abbiamo personale competente e per ogni squadra c’è un preparatore atletico, per cui potremmo concentrarci bene sull’aspetto atletico”.

Serie A. Chi, invece, si sta preparando all’attesa ripresa del campionato (prevista per l’11 aprile) è la prima squadra che, lo scorso anno, la società ha rinforzato con l’arrivo di tanti nuovi giocatori.

Il punto con Giorgio Gabrielli. “I ragazzi – ha commentato Giorgio Gabrielli, direttore tecnico del Rugby Perugia – hanno molta voglia di ricominciare, ma questa pausa ci consente di prepararci al meglio visti i tanti nuovi acquisti che abbiamo fatto quest’anno. La società ha deciso di investire molto portando a Perugia tanti giocatori provenienti da diversi campionati: abbiamo due atleti argentini con esperienza internazionale, giovani giocatori che hanno già avuto l’occasione di esordire in Super 10, altri ragazzi provenienti dalla serie A e serie B, oltre a giocatori provenienti dal nostro vivaio”.