Marini conferma le dimissioni

Area tesa durante l'Assemblea del Consiglio regionale
Perugia

Non ci sono ancora notizie sulla seduta in consiglio che dovrebbe decidere le sorti politiche della Regione Umbria che molto probabilmente potrebbe andare al voto in autunno.

La presidente Catiuscia Marini è arrivata in consiglio regionale intorno alle 11,00, ma non ha rilasciato nessuna dichiarazione ai giornalisti. La riunione dei capigruppo in vista dell’inizio della seduta non è durata moltissimo, mentre quella della sinistra si è prolungata.

Nessuno parla, molti vociferano che occorrono decisioni immediate ed importanti perché in questo modo non si può andare avanti. Ma tutti nella maggioranza aspettano l'intervento della presidente e poi decideranno.

A molti esponenti di sinistra non sono piaciute le dichiarazioni dell'onorevole Verini.

All'interno dell'area politica di sinistra si stanno aprendo due aree: Leonelli è pro dimissioni, Chiacchieroni è per il no ed ha spiegato perché "non è accettabile - ha detto - un giudizio negativo, liquidatorio e sbrigativo sull'azione di governo del centrosinistra in Umbria nei Comuni, nelle Provincie e alla Regione, dopo decenni in cui un territorio, dall'arretratezza e dal sottosviluppo è passato alla crescita e al benessere economico e sociale".

alla 12,30 La Marini è entrata in auila e  nel suo intervento ha spiegato le motivazioni delle sue dimissioni, che "a questo punto sono politiche" ed ha anche tracciato la storia di tutte le attività svolte negli ultimi anni commovendosi vistosamente quando ha parlato del terremoto e di molti altri momenti importanti e significativi della sua presidenza.

Nel video l'intervento di Catiuscia Marin consigliamo di attendere un attimo prma che arrivi l'audio e l'intervento della Presidente.

ore 15.30 La presidente Donatella Porzi ha  riconvocato  la conferenza dei capigruppo per decidere il da farsi. Le opposizioni vorrebbero aprire ora la discussione, mentre alcuni nel centrosinistra puntano a un rinvio dopo le elezioni. Lo smarrimento e la confusione non manca!

Alle 17, 25 non si è ancpra raggiunto un accordo. Il capogruppo del Pd Gianfranco Chiacchieroni ha chiesto  la possibilità di poter posticipare il dibattito per avere anche la possibiltà di effettuare valutazioni in sede politica. Se la proposta venisse accolta  si potrebbe tornare il aula il 18 maggio .

Alle 17,50 L’aula con 11 voti a favore e 8 contrari ha accettato la proposta di Chiacchieroni di aggiornare la seduta del consiglio regionale nelle date 17 o 18 Maggio.

alle 19, 30 Il Consigliere di opposizione, Claudio Ricci, chiede l'intervento del prefetto sull'illecità del rinvio della seduta del consiglio regionale.

Leggi  su  http://www.quotidianodellumbria.it/quotidiano/umbria/claudio-ricci/il-consiglio-regionale-rinvia-la-discussione-su-dimissioni-del-presidente-della