Biden annuncia controlli severi sulla vendita di armi

Allarme negli Usa per le frequenti stragi di cittadini innocenti
Opinioni

di Bruno Di Pilla - Dispiace che una grande Nazione come gli Stati Uniti d'America, che ha tra l'altro liberato il mondo dal mortale cancro del nazismo, continui ad essere afflitta da periodiche stragi d'innocenti, causate dalla follia d'individui, armati sino ai denti, che si divertono a falciare vite sparando a chiunque capiti a tiro, senz'alcuna apparente motivazione. Dopo le ultime agghiaccianti "mattanze", il Presidente Biden ha solennemente promesso che il Congresso interverrà per varare una legge che imponga più rigorosi accertamenti psico-attitudinali nei confronti di chi intende acquistare armi. In effetti, malgrado la dura opposizione dei Repubblicani, i Democratici hanno la preziosa opportunità di rendere assai più sicura l'esistenza dei pacifici cittadini e di far sì che la stessa immagine degli USA nel mondo risulti più gradita. Non è possibile che l'effigie esterna di un Paese tanto civile e progredito, che ha dato i natali a scienziati, scrittori ed artisti di fama planetaria, venga deturpata dall'incontrollata barbarie di soggetti cui è concesso, senz'alcun freno preventivo, di comprare sofisticati congegni di morte come fossero innocui giocattoli.