Umbro in vacanza porta la figlia al ristorante e non paga il conto

è stato denunciato con l'aggravio di insolvenza fraudolenta
Umbria

La crisi ha colpito un vacanziere umbro di 40 anni che per non deludere la figlia l'ha portata in un noto ristorante di pesce di Senigallia e dopo una sana e gustosa mangiata si è alzato allontanandosi dal noto locale, senza pagare il conto.

L'uomo sarebbe stato individuato dalla locale polizia e denunciato con l'aggravio di insolvenza fraudolenta, probabilmente dovuta ad un momento di forte crisi economica.