Ripartono i cantieri in Umbria,26 milioni per starde e per impeee del territorio

26 milioni per le strade, dal tratto Perugia- Trasimeno a quello di accesso a Terni
Umbria

"Prosegue l'impegno della Giunta regionale nel progetto della Presidente Tesei relativamente alle nuove opere che debbono ancora essere cantierate a completamento del Contratto di programma Regione-ANAS 2016-2020,  mentre si comincia già a lavorare a quello successivo 2021-2025 che andrà a disegnare il futuro infrastrutturale dell'Umbria": lo afferma l'assessore regionale alle  infrastrutture e viabilità Enrico Melasecche. 

"Proseguono nel frattempo con celerità – prosegue l'assessore -  i lavori particolarmente impegnativi di manutenzione straordinaria delle principali arterie regionali, come la E45 dove si è operato in sicurezza anche durante il blocco quasi totale del traffico, guadagnando così tempo prezioso prima della ripresa. La novità positiva odierna è l'anticipo dal 2021 dei programmi di manutenzione straordinaria in altri due tratti stradali proprio per ridurre i disagi considerato che sono chiuse le scuole ed i flussi di traffico sono ancora ridotti".

 Nel fare il quadro degli interventi Melasecche ha annunciato che per quanto riguarda il raccordo autostradale Perugia-Betolle iniziano a metà maggio tre nuovi interventi per 11 milioni di euro che interessano il ripristino profondo del piano viabile, una tecnica che utilizza calce e cemento e garantisce una durata del fondo stradale di gran lunga superiore.

I tratti interessati vanno dallo svincolo di Ponte San Giovanni compreso alla galleria Volumni per € 2,8 milioni; dalla galleria Volumni a Ferro di Cavallo per € 3,5 milioni; da Corciano a Magione per € 4,7 milioni. La data prevista per la fine dei lavori è il  31 agosto, con turni sulle 24 ore in modo da ridurre al minimo il disagio per la popolazione. Si interverrà inoltre – ha proseguito l'assessore - sul tratto ternano della SS 675, Raccordo autostradale Terni-Orte, dal km 0 al km 11. Anche qui sono previsti tre interventi di risanamento profondo della pavimentazione stradale per un investimento complessivo di 15 milioni di euro. Gli stralci sono stati recentemente finanziati, i progetti conclusi e in corso di verifica interna ANAS. Entro pochi giorni partiranno i cantieri che vedono impegnate  imprese umbre. Il tutto da ultimare entro il 2020. "Entrambi i sindaci delle due città capoluogo di provincia hanno concordato nel programma loro propost".