Continuano i controlli della Polizia nel territorio

Coinvolti nell'operazione il personale della Questura di Perugia e i colleghi di Assisi, Città di Castello, Foligno e Spoleto
Umbria

Anche nel fine settimana vengono costantemente effettuati  i controlli della Polizia di Stato di Perugia per garnatire il rispetto delle misure di contenimento dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, sia nel capoluogo che in tutto il territorio della provincia.

I servizi si sono concentrati lungo le vie del centro cittadino, interessate in questi giorni dalla manifestazione Eurochocolate “A passo d’Uovo” e nelle zone periferiche e commerciali della città.

I controlli hanno riguardato anche le stazioni e hanno visto impiegato, oltre al personale della Questura di Perugia, anche gli uomini dei Commissariati di Assisi, Città di Castello, Foligno e Spoleto. Il dispositivo finalizzato a verificare il corretto utilizzo dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie e il possesso delle certificazioni verdi all’interno dei centri commerciali, nei cinema, sui mezzi di trasporto pubblico, nei bar e nei ristoranti, anche alla luce dell’aumento dei contagi registrati negli ultimi giorni in provincia.

Nel corso della settimana, gli operatori della Questura hanno verificato più di 2400 certificazioni verdi e circa 200 esercizi commerciali, riscontrando un generale rispetto delle normative vigenti, infatti, non sono state riscontrate irregolarità. Oltre al monitoraggio circa il rispetto delle normative finalizzate al contenimento del contagio da Covid-19, importante è stata l’attività di controllo del territorio che ha consentito di identificare più di 6000 persone, controllare circa 1500 veicoli. Sono state, invece, 172 le infrazioni al Codice della Strada. Tra queste, due hanno comportato anche il sequestro amministrativo del veicolo e contestuale ritiro della carta di circolazione poiché i due conducenti sono stati trovati alla guida senza la necessaria copertura assicurativa. Ad entrambi i conducenti sono state elevate sanzioni pecuniarie per circa 500,00 euro.

Durante i controlli, il personale del Reparto Prevenzione Crimine Umbria – Marche ha anche rinvenuto una moto rubata a Foligno nel luglio scorso che, in attesa delle determinazioni dell’Autorità Giudiziaria, è stata affidata in giudiziale custodia al soccorso stradale. Il personale dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, invece, durante un monitoraggio degli avventori all’interno di un centro commerciale nella zona di San Sisto, ha controllato un cittadino extracomunitario di origini albanesi, classe 1978, risultato titolare di numerosi pregiudizi di polizia e irregolare sul territorio nazionale. L’uomo, dopo essere stato accompagnato in Questura, è stato messo a disposizione dell’Ufficio Immigrazione al fine di rendere esecutiva la sua espulsione dal Paese. Infine, sempre nell’ultima settimana, gli agenti della Squadra Volante hanno rintracciato un cittadino straniero del quale era stata segnalata la scomparsa da un amico. L’uomo, trovato nell’aretino a casa di una sua conoscenza, ha spiegato agli operatori che per via di alcuni problemi di salute che lo avevano colpito di recente era stato costretto a trattenersi in Toscana.