43esima Giornata in difesa della Vita

Caldarelli: "La vita e la maternità figlie di una politica di rango inferiore"
Umbria

Paolo Caldarelli del Popolo della Famiglia Umbria in occasione della 43esima Giornata in difesa della vita ha diffuso una nota stampa in cui dichiara "ribadiamo la nostra adesione e il nostro impegno, finalizzato al sostegno del diritto alla vita; diritto fondamentale ed inalienabile della persona, la cui difesa si rende necessaria specialmente nei confronti delle categorie che non hanno voce, fra cui quella dei bambini concepiti e non ancora natii, n tal senso è indispensabile che anche la politica si adoperi con la produzione di misure fattive e concrete, che tendano a difendere e a sostenere la famiglia e la maternità, intese come valori primari e fondanti della società intera".

Ed ha concluso «Nell’interesse delle donne e delle nostre comunità, alla maternità va restituita una dignità sociale, culturale ed economica che oggi è retrocessa in posizione marginale, con tanto di certificazione di crisi demografica»,

Caldarelli ha auspicando che nel perseguimento della piena occupazione sancito dall’art. 3 della Costituzione italiana possa essere ricompresa, considerata e ricompensata anche la maternità.