Fondo da 5,6 milioni di euro per Povertà in Umbria

per favorire l'occupazione e le persone maggiormente vulnerabili
Umbria

La Giunta regionale, su proposta dell'assessore alla Salute, alla Coesione sociale e al Welfare, Luca Barberini, ha approvato i criteri e le modalità di attuazione di una serie di interventi economici immediati nel territorio, allo scopo di migliorare la partecipazione al mercato del lavoro delle persone più in difficoltà.
Nelle prossime settimane verrà attivato un fondo di oltre 5,6 milioni di euro proveniente da risorse europee messe a disposizione dalla Regione Umbria per favorire l'inclusione sociale e lavorativa delle persone maggiormente vulnerabili.
Il progetto  denominato "SIApiù" estende la misura nazionale del Sia (Sostegno per l'inclusione attiva) per il contrasto alle povertà, ampliandone, in questo caso, anche i destinatari.
Nel presentare il progetto Barberini ha spiegato "L'Umbria ha voluto estendere il Sia nazionale mettendo a disposizione una somma complessiva di 12 milioni di euro, con fondi europei, per dare risposte anche a chi, pur essendo in situazioni di difficoltà, è rimasto escluso da questa misura".