Raggiunto accordo in casa Pd sugli emendamenti del bilancio

Torna il sereno? Barberini potrebbe rientrare, ridotti i tagli a Sviluppumbria
Tags:
Umbria

Sembra che nel PD stia tornando  il sereno e che tra il sottosegretario alla giustizia Bocci e la Marini sia stato raggiunto un accordo a priori,tenutosi presso la direzione del Pd, inerente la discussione del bilancio 2016 che ha sbloccato i 20 emendamenti presentati dai  consiglieri Bocciani con, Barberini,  Guasticchi, Smacchi e Brega, decisi a non demordere dopo una lunghissima riunione che potrebbe significare anche il rientro di Barberini alla sua originaria ed importante postazione, con il risultato di un ritorno al sereno dopo la crisi determinata dalle nomine alla sanità.

Non tutti i 20 emendamenti dei Bocciani sono passati e Sviluppumbria si riprende il suo milione di euro uscendo, ancora una volta, indenne dalle polemiche sul significato e l'operato dell'ente.

Dalle previsioni fatte ai Bocciani sono stati confermati una serie di tagli, ma alla fine hanno raggiunto ugualmente il risultato con: 200 mila euro da destinare al settore della la disabilità, 100 mila euro alle attività a tutela dell' infanzia - ai minori e per gli asili nido-, 200 mila per interventi per i soggetti a rischio esclusione sociale, 50 mila euro in più per la viabilità e altrettanti per lo sviluppo e la valorizzazione del turismo. 50 mila euro per le manifestazioni storiche, 25 mila per la festa dei Ceri di Gubbio, che la Regione sembrava aver dimenticato.

Nella stesura del budget di bilancio ci sono anche le risorse a favore dei comuni con impianti idroelettrici. 300 mila euro andranno al turismo (pochissimo considerato  che è il settore che contribuisce a valorizzare il territorio con la più alta incidenza nel Pil della Regione), un milione e cento mila euro all’ambiente e 600 mila alla viabilità.  È Passata anche la mozione - per la stipula di protocollo per l'impiego di risorse con le Amministrazioni comunali - che chiedeva alla giunta un coinvolgimento della seconda commissione.