La regione potrebbe ordinare la limitazione degli assembramenti nei centri commerciali

Preoccupazione per la crescita dei contagi negli ultimi giorni
Umbria

La Giunta regionale sta valutando la possibilità di limitare gli assembramenti anche nei centri commerciali, al fine di ridurre la crescita dei contagi.

Tra Venerdi e Sabato la curva dell'epidemia in Umbria ha significato altri 205 contagiati (+3,5%) e il numero degli attualmente positivi sfonda per la prima volta le duemila unità. Occorre dunque attivarsi urgentemente per evitare la crescita dei contagi.

La norma potrebbe essere resa pubblica nelle comunicazioni dei prossimi giorni. Lo shopping si aggiunge ai problemi già riscontrati nei luoghi della movida, nel trasporto pubblico e davanti alle scuole dove è possibile la chiusura dei licei per la durata di 15 giorni.

Nei giorni scorsi la Presidente della Regione Umbria Donatella Tesei ha convocato una Giunta straordinaria per mettere in atto una serie di attività, di cui alcune già programmate, al fine di gestire al meglio l’emergenza sanitaria con l'obiettivo di dare risposte concrete ed efficienti che permettano di tenere la situazione, ad oggi sotto controllo, stabile, evitando che il sistema sanitario umbro vada in affaticamento.

Al termine della Giunta la Presidente ha partecipato alla Conferenza Stato/Regioni durante la quale, insieme ad altri Governatori, è stata sollecitata la chiusura per 15 giorni, a partire già da lunedì prossimo, degli istituti superiori, introducendo dove possibile la didattica a distanza. Al momento i provvedimenti della Regione per il settore hanno evitato particolari criticità all’interno dei plessi scolastici, criticità che invece si possono registrare nella fase di contatto tra studenti nei pressi degli istituti pre e post lezioni. In caso di diniego da parte del Governo, la Presidente Tesei, stimato anche l’evolversi dell’andamento epidemiologico, valuterà l’opportunità di adottare una specifica ordinanza.