Terrorismo: a Perugia nessun allarme specifico

Questore: con il Giubileo potenziata vigilanza ad Assisi
Umbria, Perugia, Assisi

Per la provincia di Perugia "non ci sono al momento allarmi specifici" per quanto riguarda il terrorismo dopo i fatti di Parigi.

A dirlo è il questore del capoluogo umbro Carmelo Gugliotta che comunque richiamando le parole del ministro Angelino Alfano sottolinea con l'ANSA come "non ci siano territori totalmente a rischio zero".   "Dopo i fatti di Parigi - spiega ancora il questore - è stato aumentato il controllo ai siti teoricamente più esposti. Con l'inizio del Giubileo, d'intesa con la prefettura e con il Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica, sarà ulteriormente potenziata la vigilanza su Assisi, uno dei luoghi principali di questo appuntamento religioso".

 Servizi che per Gugliotta "finiranno per incidere anche sulla viabilità". "Ma la gente - sottolinea - è matura per accettare eventuali restrizioni e ad adeguarsi".  Le forze di polizia sono pronte all'attività di prevenzione e, in accordo con le procure della Repubblica, di repressione. "Senza comunque creare inutili allarmi - sottolinea Gugliotta - anche se, lo ribadisco, non ci sono città a rischio completamente zero perchè potenzialmente ogni territorio può essere d'interesse dei terroristi.

Nulla si può escludere".  Riguardo alla presenza degli extracomunitari, Gugliotta sottolinea la presenza all'Università  per Stranieri "di etnie e religioni diverse che si incontrano". "Uno spaccato del mondo - aggiunge - senza contrasti che possano preoccupare".    Per quanto riguarda gli organici della polizia, il questore assicura che sono "idonei a fare un'adeguata prevenzione" ma non esclude che il Ministero possa decidere l'invio di altri rinforzi nei prossimi mesi.