Due nuovi dirigenti chirurghi per l'Ospedale della Media Valle del Tevere

La soddisfazione dell'Amministrazione comunale di Todi: si respira aria di rinascita
Todi

“Non è una notizia alla quale eravamo abituati, quella che abbiamo appreso in queste ore.
Dopo anni e anni di progressivo depauperamento della struttura dell’Ospedale della Media Valle del Tevere, a Pantalla, finalmente sembra sia davvero arrivato il momento in cui si respira aria di rinascita”. Apre così una nota l'Amministrazione comunale di Todi dopo l'ufficializzazione dell'arrivo di due nuovi chirurghi al nosocomio di Pantalla.

“In un contesto di razionalizzazioni e di recupero di risorse – prosegue il comunicato -, un deciso potenziamento del personale appare come una cosa della quale potersi davvero rallegrare.

in questo senso, abbiamo appreso con grande soddisfazione, nel corso dei quotidiani colloqui con la Direzione della ASL, che dal 23 agosto saranno operative nel nostro Ospedale due ulteriori unità di dirigenti chirurghi”.

“Le ulteriori professionalità – si legge ancora - andranno a rafforzare la struttura della Chirurgia, potenziando un servizio che, a questo punto, ha tutte le caratteristiche per rappresentare una delle eccellenze della sanità in Umbria, non soltanto in termini di mezzi e strutture, come le sale operatorie, ma anche come personale dedicato.

Continua, quindi, come era stato garantito dai vertici regionali e della ASL, il positivo percorso non soltanto verso un ritorno alla normalità dei servizi pre COVID, ma nella direzione di un deciso potenziamento del nostro nosocomio”.

“Da parte dell’Ammistrazione Comunale del Comune di Todi – conclude la nota -, va un sentito ringraziamento alla Presidente Tesei, all'Assessore Coletto ed alla Direzione della ASL, che stanno mantenendo con i fatti gli impegni che avevano assunto.

L'impegno comune, che i Sindaci della Media Valle del Tevere continuano a portare avanti unitariamente, è quello di proseguire nella costante azione di supporto del Consiglio Regionale, che sta scrivendo il nuovo Piano Sanitario Regionale e che dovrà vedere il nostro territorio protagonista della sanità umbra del futuro”.