Todi contaminazione tra arte, storia, cultura e vino

23 agosto, un evento organizzato da Coop Culture e “Todi Terra di Vini”
Todi

Sarà il Chiostro del Nido dell’Aquila ad ospitare, venerdì 23 agosto, un evento frutto della collaborazione tra Coop Culture, la società che gestisce gli spazi museali e culturali della città, e “Todi Terra di Vini”, l’associazione che mette insieme le 13 cantine doc del territorio tuderte.

L’iniziativa, che fa da “aperitivo” all’inaugurazione del Todi Festival che apre il giorno succesivo, prevede, a partire dalle 18:30, una degustazione di vini offerta dalle cantine, accompagnata dal pomodoro Cesarino, presidio della biodiversità locale di recente riscoperta e il momento culturale “Bevimi, o Diva…”, un incontro-visita guidata al Museo del Lapidario sul tema dell’enogastronomia dell’età romana a cura del dottor Alessandro La Porta.

La proposta è quella di una contaminazione tra arte, storia, cultura e vino, fornendo l’occasione per la presentazione dell’associazione “Todi Terra di Vini” e della realtà viti-vinicola locale, un comparto economico di quasi 500 ettari di vigneti, oltre un milione e mezzo di bottiglie prodotte ed un centinaio di addetti, con una ricaduta importante anche a livello turistico-promozionale.

Non a caso l’evento del 23 agosto, che vedrà la presenza diretta dei produttori, nasce dopo che Coop Culture ha dato disponibilità ad ospitare un’esposizione delle etichette prodotte dalle cantine sia nel polo museale delle Lucrezie che nell’ufficio di informazione turistica di piazza del Popolo. Una collaborazione che potrà essere foriera di ulteriori sviluppi e che segna comunque già un passo in avanti nella messa a sistema delle tante diverse risorse di cui il comprensorio tuderte è ricco.

La serata, articolata negli spazi espositivi e nel terrazzo panoramico dell’ex monastero delle Lucrezie, sarà allietata dalla musica della Bulls Band, gruppo musicale formato da docenti e studenti dell’Istituto Ciuffelli-Einaudi.