Denaro e preziosi in auto ma non sanno giustificarne il possesso

Cittadini cinesi denunciati dalla Polizia Stradale di Todi
Todi

La pattuglia del distaccamento Polizia Stradale di Todi, transitando nei pressi del km17+000 sud della Ss3 bis, notava una autovettura che, alla vista della pattuglia, aumentava repentinamente la velocità.

Una volta raggiunto il veicolo, gli occupanti venivano sottoposti a controllo e identificati come due cittadini cinesi residenti a Roma, di cui uno dell’età di anni 38, regolare sul territorio nazionale e con precedenti di polizia e l’altro di anni 34 la cui posizione sul territorio nazionale è al vaglio dei competenti uffici del luogo di residenza.

A seguito del controllo venivano rinvenuti, all’interno dell’auto, denaro ed oggetti in argento, di cui i due non risultavano in grado di giustificarne il possesso, unitamente ad un manganello in metallo classificabile come oggetto atto ad offendere.

Al termine delle attività di rito i due cittadini cinesi venivano deferiti all’Autorità Giudiziaria per il reato di ricettazione e possesso di oggetto atto ad offendere.