Trentaduenne si spoglia in chat e viene ricattato, paga 2mila euro

I carabinieri hanno deferito in stato di libertà un 60enne originario della provincia di Bari già noto alle forze dell’ordine, alla competente procura della Repubblica di Terni, per i reati di estorsione
Canali:
Terni

Un 32enne di Fabro è stato adescato tramite la solita richiesta di amicizia su Facebook da una ragazza, la quale gli ha chiesto di spogliarsi assieme a lei. Il giovane non poteva immaginare che era tutta una messinscena per videofilmare la videochiamata e dunque ricattarlo.
Sì, perché una volta registrato il video, un uomo si è fatto avanti con una serie di telefonate di minaccia contenenti richieste estorsive di denaro a seguito delle quali, inizialmente intimorito, aveva versato su una carta postepay una somma di 2 mila euro. 
Una volta pagata tale cifra il trentaduenne ha pensato bene di rivolgersi ai carabinieri per denunciare il tutto.
E’ successo a Fabro lo scorso mese di aprile. I Carabinieri, a conclusione di un’attività di indagine hanno denunciato a piede libero, per i reati di “estorsione”, “diffusione illecita di immagini o video sessualmente espliciti” e di “minaccia”, un uomo 60enne originario della provincia di Bari, già noto alle Forze dell’ordine, alla competente procura della Repubblica di Terni. L’estorsione sarebbe avvenuta grazie all’attivazione di un profilo falso in cui comparivano le foto di una modella, ma dietro al quale avrebbe in realtà agiva il sessantenne. Le indagini dei carabinieri sono ancora in corso per evitare se il pugliese abbia effettuato altre estorsioni con lo stesso metodo.