La Treofan chiude lo stabilimento a Terni

Formalizzata la posizione della multinazionale davanti al Mise
Terni

La multinazionale indiana Jindal ha affermato di non volerne più sapere di Treofan Italy e quindi nemmeno dello stabilimento di Terni.
Durissima presa di posizione dell’assessore allo sviluppo economico Michele Fioroni durante il tavolo Treofan convocato dal Ministero dello sviluppo economico. “L’annuncio della chiusura del sito di Terni – dichiara l’assessore Fioroni - è una volgare mancanza di rispetto per il Paese, per la Regione Umbria, per la città di Terni e per tutti quei lavoratori che stanno rischiando il posto di lavoro. Dopo otto mesi di trattative non si può prendere in giro la storia industriale della città, la competenza produttiva nel settore chimico e tutte le aziende che operano nel polo ternano, che hanno espresso da subito tutta la loro preoccupazione. Non è ammissibile un atteggiamento di questo tipo – conclude l’assessore - dopo che ci siamo impegnati a sostenere con i nostri strumenti l’ipotesi di sviluppo industriale dello stabilimento in questione. Ci opporremo in ogni sede e con ogni mezzo anche legale, in sintonia con il ministero, a questa decisione”.