Botte e insulti alla moglie per farle lasciare i Testimoni di Geova

Condannato a due anni di carcere un 74enne originario del Viterbese, da anni residente a Terni
Argomenti correlati
Terni

Per convincere la moglie ad abbandonare, come aveva fatto lui, i Testimoni di Geova, ha scelto una strada radicale. Così radicale che gli è costata una condanna a due anni da parte del tribunale di Terni, in base alla sentenza emessa lunedì dal giudice Dorita Fratini.
Come riporta oggi , l'uomo è un 74enne originario del Viterbese, da anni residente a Terni.
Era accusato di maltrattamenti in famiglia, a seguito delle indagini condotte dalla procura di Terni dopo la denuncia della moglie, dalla quale nel frattempo si è separato.
Sotto la lente degli inquirenti sono finiti episodi che nel corso degli anni si sono susseguiti con pesante regolarità, fino all'agosto del 2017, tali da segnare profondamente la relazione e quindi convincere la vittima a raccontare tutto alla polizia. In particolare insulti, minacce, percosse - schiaffi e strattonamenti contro il muro -, umiliazioni anche di fronte ad altre persone. Atteggiamenti legati probabilmente alla natura del 74enne, al suo carattere, ma pure a quell'insanabile contrasto che era emerso dopo la decisione dell'uomo di abbandonare i Testimoni di Geova. Passo a cui aveva fatto seguito il tentativo di convincere la moglie a fare altrettanto, anche bruciando i testi religiosi che c'erano in casa.
Lei aveva resistito a quelle pressioni. Il tribunale ha deciso per la condanna del 74enne, con pena sospesa, che ora dovrà pagare anche una provvisionale di 4 mila euro all'ex moglie, oltre alle spese processuali e ai danni che verranno stabiliti in sede civile.