La Ternana vuol comprare lo stadio “Liberati”

Ora la parola spetta al Comune
Terni

La società Ternana Unicusano vuole comprare lo stadio Libero Liberati di Terni.
 Il presidente delle Fere, Stefano Ranucci, ha fatto la sua mossa, spedendo una lettera al sindaco Leopoldo Di Girolamo e all'assessore allo sport Emilio Giacchetti. Poche righe per far sapere a Palazzo Spada che la Ternana Unicusano è disponibile ad acquistare lo stadio Liberati.
La mossa successiva, adesso, spetta al Comune che dovrà rispondere alla lettera del presidente Ranucci.
L'ipotesi più probabile è che si apra la trattativa.   La parola adesso passa al Comune per capire se trattativa sarà. Intanto, ieri doveva essere il giorno del via libera alla nuova convenzione tra Comune e Ternana Unicusano per la gestione dello stadio, che prevede un canone basso, 10mila euro l'anno, a fronte però di investimenti nelle manutenzioni ordinarie e straordinarie di 500mila euro nell'arco di cinque anni a carico della società rossoverde.
Dopo l'ok incassato in Prima commissione, era atteso il voto in Consiglio. Ieri, però, l'assemblea comunale si è sciolta prima dell'inizio della discussione per un vizio di forma riscontrato nella convocazione dei consiglieri (non tutti pare abbiano ricevuto regolarmente la solita lettera). Tutto rinviato al prossimo Consiglio, quando la discussione sulla convenzione potrebbe trasformarsi nel primo banco di prova concreto per capire come andrà a finire questa storia.