Antiborseggio, parcheggiatori abusivi, subaffitto non comunicato aI servizi di controllo della Polizia

Terni - Risultati dei servizi di controllo del territorio della Polizia
Terni

Controlli a tutto campo da parte della Polizia di Stato.

I servizi antiborseggio effettuati dal Poliziotto di Quartiere mercoledì al Foro Boario, in occasione del mercato settimanale, hanno portato all’allontanamento con Foglio di Via Obbligatorio di un italiano di 37 anni residente a Perugia che è stato fermato insieme ad un ternano, pregiudicato, mentre chiedeva l’elemosina e vendeva fazzolettini ai passanti. Dai controlli in banca dati è emerso che aveva tre Fogli di Via, da Terni (scaduto lo scorso ottobre), Pisa e Foligno e numerosi precedenti penali anche per truffa. Ha dichiarato di vivere in un camper, con la moglie, parcheggiato vicino al mercato; ora dovrà di nuovo aspettare tre anni per far ritorno in città. 

Durante l’attività di contrasto ai parcheggiatori abusivi in Piazza della Rivoluzione Francese, nei presi della stazione ferroviaria, la Squadra Volante ha controllato un cittadino nigeriano di 46 anni, risultato già espulso dal Territorio nazionale, proprio da Terni, a marzo 2015. E’ stato denunciato per non aver ottemperato al provvedimento e nuovamente espulso. E’stato invece sanzionato un suo connazionale, regolarmente residente a Terni, per non aver comunicato all’autorità di Pubblica Sicurezza, di aver subaffittato ad un parente una camera della sua abitazione in un condominio del centro dove era stato notato un insolito viavai di stranieri. Il controllo, da parte della Polizia di Stato, è avvenuto nell’ambito delle verifiche domiciliari, che vengono effettuate con regolarità ai sensi della legge che prevede che: ”chiunque, a qualsiasi titolo, dà alloggio, ovvero ospita, uno straniero o apolide … è tenuto a darne comunicazione scritta entro 48 ore all’autorità di PS”. Il nigeriano ha dichiarato agli agenti di aver affittato la stanza per 170 euro al mese ad un suo parente arrivato in città da pochi giorni, ora, per la violazione, dovrà pagarne 320.