Carenza di personale all’ospedale di Terni

L’appello del sindaco Latini: «Sbloccare le assunzioni è un’emergenza primaria»
Terni

Il sindaco di Terni, Leonardo Latini, ha incontrato ieri mattina il personale dei vari reparti dell'ospedale Santa Maria che gli ha manifestato le varie criticità, prima fra tutte la carenza di personale. “Tra le emergenza più concrete - ha detto Latini - c'è di sicuro lo sblocco delle assunzioni, per sopperire alle carenze di medici, in primo luogo anestesisti, e di infermieri. Proprio la mancanza di infermieri costringe la direzione a tenere chiusi alcuni reparti”.
Il primo cittadino è stato accompagnato dal commissario straordinario, Andrea Casciari, e dal consigliere comunale e coordinatore del dipartimento sanità della Lega, Sergio Armillei. “Ho voluto farmi un'idea di persona sulla situazione della struttura e ascoltare direttamente i medici, gli infermieri e il personale del Santa Maria - ha spiegato Latini al Corriere dell'Umbria - e ho trovato in tutti i reparti grande professionalità e attenzione alla cura dei pazienti. Al tempo stesso ho riscontrato una grandissima esigenza di miglioramenti strutturali e gestionali per i quali il commissario Casciari si sta impegnando con progetti di prospettiva, ma anche con soluzioni immediate per le emergenze più concrete”.
 Latini ha anche  rilevato che “l'azienda ospedaliera ha bisogno di essere gestita con continuità e con un programma di mediolungo periodo, dal momento che la maggior parte dei problemi le derivano proprio dall'impossibilità, riscontrata in questi ultimi anni, di portare a compimento una programmazione duratura”. Latini ha ribadito la responsabilità che deriva dall'essere amministratori “di essere attenti ai problemi della sanità che riguardano tutti i nostri concittadini e le migliaia di lavoratori impiegati direttamente o indirettamente nell'azienda ospedaliera”.