Terni dichiara guerra alla prostituzione per strada

Multe fino a 800 euro alle escort da marciapiede, e fino a 168 euro ai clienti
Terni

il sindaco Leonardo Latini ha indetto una conferenza stampa per presentare un pacchettto di misure in tema di sicurezza, decoro e attrattività della città. Presenti il Questore di Terni Roberto Massucci, gli assessori alla Polizia Locale Giovanna Scarcia e all’ambiente Benedetta Salvati, il presidente dell’associazione Terni col Cuore Paolo Tagliavento.
Sono stati presentati diversi provvedimenti, alcuni già in vigore, altri che saranno adottati a breve, nell’ambito di un unico progetto, con l’obiettivo cioè, come ha sottolineato il sindaco “di delineare un quadro di regole condiviso, frutto di una responsbilità altrettanto condivisa, da parte di chi le regole le dovrà far rispettare e da parte di chi le deve rispettare per il bene della città, per renderla più bella, più sicura e quindi attrattiva, senza dover rinunciare alla sua naturale vitalità, che ne è una caratteristica fondamentale”.
A Terni multe fino a 800 euro per chi si prostituisce sul marciapiede, mostrandosi in abiti indecenti, ma anche a chi si avvicina alle lucciole in strada per contrattare prestazioni a luci rosse. E’ questa una delle misure contenute nell’ordinanza sul decoro urbano e il contrasto alla prostituzione che il sindaco firmerà nei prossimi giorni.
Un’ulteriore stangata è prevista per quei clienti che abbiano una condotta pericolosa in auto o di intralcio alla circolazione nel momento in cui abbordano la lucciola prescelta. In pratica saranno vietati i caroselli di auto che stazionano davanti alle ragazze in attesa sui marciapiedi.

Chi non rinuncerà a questi comportamenti rischierà, in base al Codice della strada, una multa da 41 a 168 euro. Sanzione che potrà essere aumentata di un terzo se l’illecito sarà commesso tra le 22 e le 7. Sette le zone a luci rosse al centro dell’attenzione delle forze di polizia: via lungonera Savoia, viale Brenta, vocabolo Staino, viale Centurini, Foro Boario, strada San Martino, nei pressi dello stadio, e piazzale Caduti di Montelungo, vicino al cimitero civico.