“Al Santa Maria attese indecenti per i pazienti oncologici”

Il consigliere comunale Armillei lancia un appello al nuovo commissario
Terni

"Le conseguenze, annunciate a più riprese - dichiara il consigliere comunale della Lega Sergio Armillei - si stanno facendo sentire in maniera sempre più pesante in tutti i reparti dell'azienda ospedaliera Santa Maria data la carenza di personale.

A causa del blocco dei concorsi attuati dalla Regione, la situazione diventa sempre più difficile. Come se non bastasse l'attuale situazione di blocco del turnover si inserisce un'ulteriore criticità del personale data dal periodo di ferie. A farne le spese oltre agli altri reparti con situazioni più o meno difficili, è in particolare il reparto di Oncologia dove le tempistiche per le terapie e le visite stanno diventando disumane per i pazienti e i parenti, costretti a sostare nelle sale d'attesa per lunghi periodi prima di poter accedere alle terapie.

E' indecente che pazienti con situazioni cliniche e psicologiche di grande disagio debbano sopportare anche le conseguenze di una mala organizzazione dovuta alla attuale gestione sanitaria della regione. Eppure il presidente ad interim Paparelli venendo in visita all'ospedale di Terni, poco tempo fa, aveva dichiarato che non vi erano criticità dell'assistenza sanitaria. Mi appello al neo commissario Lorenzo Pescini di far fronte in tempi brevissimi alla situazione sanitaria in cui versa il Santa Maria, facendo sì che venga revocato il blocco dei concorsi, e che si prodighi affinchè le criticità che sono state evidenziate da questa amministrazione, già più volte in passato, vengano risolte per il bene dei malati e dei lavoratori ospedalieri".