Ventuno migranti in fuga nelle campagne e nella periferia di Terni

Tredici sono stati rintracciati nel quartiere di Gabelletta, gli altri otto sono stati bloccati alla stazione
Canali:
Terni

Ventuno migranti di origine curda e iraniana in fuga nelle campagne e nella periferia di Terni.
Si tratta di tutti uomini tra i 18 e i 35 anni.  I ventuno stranieri facevano parte di un gruppo di trentacinquue migranti che con un autobus stava raggiundendo due centri di accoglienza di Montecastrilli e Perugia.
Secondo la ricostruzione della Questura lungo la superstrada E45, all'altezza di San Gemini, i migranti con una scusa hanno fatto fermare il pullman per poi darsi alla fuga nell'area circostante.
Tredici sono stati rintracciati dalle forze dell'ordine nel quartiere di Gabelletta, gli altri otto sono stati bloccati dalla polfer alla stazione mentre cercavano di prendere il primo treno in transito per il nord Italia.
Risultano tutti rintracciati. Era loro intenzione, secondo la polizia, raggiungere il nord Italia e da lì il nord Europa.
 Condotti in Questura ed identificati, sono stati poi  accompagnati nelle strutture di accoglienza individuate dalla Prefettura.

 La ricollocazione è avvenuta senza particolari difficoltà. Gli immigrati sono stati sistemati in due strutture d'accoglienza a Nera Montoro di Narni e a Montecastrilli. Non sono stati denunciati trattandosi di immigrati richiedenti asilo. Del caso si sta occupando anche la Prefettura di Terni che ha gestito tutta la fase relativa alla sistemazione dei profughi sul territorio.