Torna in libertà il sindaco di Terni Di Girolamo

Accolta dal Tribunale del riesame di Perugia la revoca degli arresti domiciliari
Terni

Nella tarda mattinata di martedì 23 maggio, il Tribunale del riesame di Perugia, ha revocato gli arresti domiciliari al Sindaco di Terni Leopoldo Di Girolamo. Misura alla quale era sottoposto dal 2 maggio scorso per presunte irregolarità nell'affidamento di appalti pubblici. Al telefono con l'ANSA, Di Girolamo spiega di essere stato sempre “sereno e fiducioso” e che in settimana “tornerà sicuramente” a varcare le porte del Comune: “Lo farò appena sarò pronto”, dice. Quanto alla possibilità o meno di dimissioni, “adesso - continua - ci confronteremo, discuteremo per vedere quello che è più utile fare per la città. Non è possibile prendere decisioni ora a caldo, ma serve un lasso di tempo per lasciare sedimentare i sentimenti”.

Per l'assessore Stefano Bucari, invece - al quale erano già stati revocati i domiciliari dopo l'interrogatorio del Giudice per le indagini preliminari -, resta confermata l'interdizione dall'attività amministrativa. Rimane invece confermata l'interdizione dall'attivita' amministrativa per l'assessore ai Lavori pubblici, Stefano Bucari, indagato nella stessa inchiesta, che si era visto revocare i domiciliari già dopo l'interrogatorio del Gip. Le motivazioni del provvedimento verranno rese note entro 45 giorni.