Coronavirus, screening al Santa Maria: su 300 pazienti non Covid 6 positivi.

La direzione dell’ospedale a caccia di asintomatici per evitare il rischio di nuovi contagi
Terni

Il commissario straordinario del Santa Maria, Andrea Casciari, ha deciso che a tutti i ricoverati non Covid dell'ospedale di Terni andava fatto il tampone, anche per evitare sorprese in futuro.
In 48 ore è stato fatto uno screening sui pazienti, in totale 300 tamponi.
Il risultato è che sono risultati 6 casi positivi.
“Da oggi –  afferma una nota dell’ Azienda Ospedaliera ternana – l’ospedale è pulito e si prepara alla fase due dell’emergenza con la certezza che sono negativi tutti gli operatori, anche quelli delle aree interessate alle ultime positività  individuate, e tutti gli altri pazienti ricoverati che, proprio per ridurre al minimo il rischio di contagio, sono da sempre dotati quotidianamente di mascherine chirurgiche”.
I sei pazienti positivi riscontrati sono stati immediatamente isolati e trasferiti nell’area Covid.
“È  evidente – afferma Andrea Casciari – che il nuovo coronavirus è diffuso anche tra la popolazione asintomatica. Quello che abbiamo fatto ci ha consentito e ci consentirà di individuare e isolare tempestivamente i casi positivi mettendo in sicurezza l'ospedale intero. Una operazione fondamentale per la fase due, in cui torneremo a dare impulso all’ attività  chirurgica programmata e all’ attività  assistenziale ordinaria per dare risposte alle esigenze di tanti altri malati”.