Coronavirus, l’ospedale di Terni pronto a gestire eventuale emergenza sanitaria

Alcune attività assistenziali trasferite a Narni e Amelia
Terni

“I commissari straordinari dell’Azienda Usl Umbria 2  Massimo De Fino e dell’Azienda Ospedaliera “Santa Maria” di Terni Andrea Casciari sono in costante contatto ed impegnati in attività di monitoraggio della situazione relativa al carico di lavoro dei servizi di Emergenza Urgenza, al fine di adottare congiuntamente misure tempestive ed efficaci. Sono inoltre in corso incontri tra le due direzioni strategiche aziendali per definire il trasferimento di alcune attività assistenziali dal “Santa Maria” ai presidi ospedalieri di Narni e Amelia al fine di liberare gli spazi necessari, nel centro di riferimento dell’Azienda Ospedaliera di Terni, per poter gestire l’emergenza con la massima efficacia”.

Lo si legge in una nota della USL Umbria 2, che peraltro precisa come “stante la situazione determinata dall’emergenza Covid-19 e al fine di garantire il percorso più appropriato che garantisca la sicurezza dei pazienti e degli operatori ed eviti situazioni potenzialmente a rischio di diffusione del contagio da coronavirus nelle due strutture, la direzione dell’Azienda Usl Umbria 2 ha disposto la chiusura temporanea dei punti di primo soccorso degli ospedali di Narni e di Amelia, dove rimarranno invece attive le postazioni del servizio 118 di Emergenza Urgenza”.

Sono state sospese anche tutte le visite ambulatoriali  e le prestazioni diagnostiche non urgenti sul territorio della Usl Umbria 2. Sono esclusi i pazienti oncologici e le donne in gravidanza o che hanno in corso percorsi di fecondazione assistita, le gravi e gravissime disabilità, i dializzati e  altre situazioni non rinviabili.

Sospesa anche l’attività libero-professionale intramuraria.