Terni, approvato il Documento unico di programmazione

Nella tarda serata di ieri con 20 voti a favore e 9 contrari
Terni

Discusso e approvato in tarda serata dal Consiglio Comunale, con 20 voti a favore e 9 contrari, il Documento Unico di Programmazione 2019-2023 – Dup – strumento che consente l’attività di guida strategica ed operativa dell’Ente. Il documento si pone in continuità con il percorso tracciato dal precedente Dup 2018-2020 collegato all’Ipotesi di bilancio stabilmente riequilibrato ed è stato predisposto recependo le indicazioni politico-strategiche provenienti dagli organi politici che hanno provveduto a delineare in maniera più definita i temi della pianificazione strategica maturati nel corso di questo primo anno di mandato, e i nuovi obiettivi operativi provenienti dalla Direzioni. In particolare nell’atto di programmazione è stato dato risalto ai temi della modernizzazione, dell’innovazione digitale, del recupero delle aree e dei volumi inutilizzati della città, dell’emergenza stradale, dell’efficientamento della macchina comunale, del verde urbano, delle grandi opere e del rilancio culturale e turistico della città.

All’atto sono stati presentati 68 emendamenti firmati per la stragrande maggioranza dai Cinque Stelle, 3 dal Pd, 1 Terni Civica e 1 dalla giunta comunale. Con il suo emendamento Michele Rossi chiede che l’area di vocabolo Staino di proprietà comunale sia alienata non con una destinazione commerciale (6.500 metri quadri di vendita) ma come area destinata a servizi comuni.

La giunta invece va a modificare il piano delle opere pubbliche allegato al Dup. Il nuovo piano differisce, in sintesi, da quello precedente per quattro punti: previsto nel 2020 mutuo di 500 mila euro per il nuovo archivio comunale; eliminati due milioni di mutui propri per il cofinanziamento del Palazzetto dello Sport allo Stadio a fronte di un’entrata, ripartita in tre anni, di 2 milioni derivante dall’intervento della Fondazione Carit; eliminazione del finanziamento per il cimitero centrale in quanto è previsto il ricorso al project financing; mutuo di 214 mila euro per il cofinanziamento dell’adeguamento antisismico della scuola di Cardeto a vocabolo Fiori.

In base a un accordo tra maggioranza e opposizione sono stati approvati 16 emendamenti presentati dai Cinque Stelle e dal Pd, quello presentato dalla giunta e anche quello di Michele Rossi sull'area Staino.

Il documento, come previsto dalla legge, si compone di una sezione strategica relativa ad un orizzonte temporale pari alla durata del mandato amministrativo che sviluppa e concretizza le linee di mandato del sindaco e individua gli indirizzi strategici, ovvero le direttrici fondamentali lungo le quali dovrà dispiegarsi l’azione dell’Ente. Il Dup include inoltre la sezione operativa, con un orizzonte temporale triennale corrispondente al bilancio di previsione finanziario, che comprende una serie di programmi/obiettivi operativi declinati a partire dagli indirizzi strategici. Nel rispetto del principio di coordinamento e coerenza dei documenti di bilancio, il Dup costituisce il presupposto necessario di tutti gli altri documenti di programmazione, pertanto costituisce presupposto indispensabile anche per l’approvazione del bilancio finanziario di previsione 2019-2021.