“Screening mirati per la prevenzione nel territorio ternano”

Approvata all'unanimità la richiesta di modifica del piano regionale
Terni

Il Consiglio comunale di Terni ha approvato all’unanimità un atto di indirizzo, presentato dai consiglieri Sergio Armillei, Cristiano Ceccotti, Monia Santini, Leonardo Bordoni, Sara Francescangeli, Federico Pocaforza, Paola Pincardini, Doriana Musacchi e Paolo Cicchini, relativo a proposte di modifica e integrazione del Piano regionale della Prevenzione.

Nelle premesse dell’atto, che risale al 28 marzo 2019, si sottolinea la necessità migliorare i programmi di prevenzione destinati al territorio ternano, prevedendo nuove azioni, nuovi standard ed indicatori e ampliando il numero dei destinatari. Pertanto, si chiede al sindaco e alla giunta di agire presso la regione Umbria per l’inserimento nel Piano di un programma di screening diagnostici mirati e specifici per la situazione del territorio ternano, in considerazione dei dati epidemiologici relativi alle patologie tumorali che testimoniano un'incidenza ben oltre la media nazionale. in particolare per gli screening è previsto di lavorare e migliorare i percorsi diagnostici del 2° e 3° livello. Il documento sottolinea che il territorio del Ternano è zona da monitorare con programmi alternativi e con indirizzi specifici essenso zona particolarmente esposta in conseguenza alle quantità e pericolosità degli inquinanti presenti e all'impatto che determinano sull'ambiente circostante in termini di rischio sanitario ed ecologico.

L'atto impegna il sindaco e la giunta a “proporre nelle more di una rimodulazione e proroga del Piano regionale di prevenzione, per quanto nelle possibilità di questa amministrazione, di agire presso la Regione per l'inserimento di un programma di screening diagnostici mirati e specifici alla particolare situazione del territorio ternano in considerazione dei dati epidemiologici sulla patologia tumorale, purtroppo oltre la norma rispetto al restante territoio nazionale”.