Terni, in arrivo Marmore link e Piediluco link

Due nuove combinazioni di viaggio treno+bus nate dalla collaborazione di Regione, Trenitalia e Busitalia
Terni

Dopo Assisi link e Trasimeno Line arrivano anche Marmore Link e Piediluco Link. Lo rende noto l’assessore regionale ai trasporti, Enrico Melasecche. “In Umbria la formula treno+bus si espande a nuovi territori. Abbiamo iniziato a fine 2019, collaborando con Trenitalia e Busitalia all’Assisi Link e da questa estate 2021 apriamo alla Cascata delle Marmore ed al Lago di Piediluco, dopo aver peraltro istituito il Trasimeno Line, un treno estivo dedicato a portare turisti nei vari comuni del Lago. Grazie all’intermodalità fornita dalle due società di trasporto del gruppo FSI abbiamo ottenuto un nuovo servizio per rendere ancora più semplice recarsi con mezzi pubblici in luoghi d’eccellenza dell’Umbria, in questo caso dell’area ternana, come la Cascata delle Marmore e il Lago di Piediluco. Si tratta di combinazioni di viaggio treno+bus – informa Melasecche -, con interscambio nella stazione ferroviaria di Terni, che consentono sia ai cittadini umbri che ai visitatori da fuori regione, nuove opzioni di mobilità sostenibile oltre che confortevoli e vantaggiose nei costi. Un modo intelligente per dare valore ulteriore ai nostri servizi di trasporto regionale e locale. Marmore Link – spiega l’assessore – è il collegamento dedicato alla Cascata, una delle mete turistiche più conosciute dell’Umbria, spesso utilizzata anche come simbolo della regione: fino a 55 corse al giorno che arrivano a partono a pochi passi dai salti d’acqua. Piediluco Link è invece il collegamento con il Lago che si trova ai piedi del Bosco Umbro, molto apprezzato in particolare dai cittadini per le piacevoli passeggiate e per gli sport d’acqua come il canottaggio di cui è sede federale e su cui la Regione sta investendo parte dei canoni idrici. Si tratta, nelle giornate di punta, di 48 corse possibili al giorno che arrivano e partono dal lungolago. Il vantaggio principale sta nella facilità di consultare le soluzioni di viaggio su tutti i canali di vendita Trenitalia e nella possibilità di acquistare il biglietto in un’unica soluzione. Ad esempio, sul sito o sull’App Trenitalia o alle emettitrici self service, basta ricercare “Cascata delle Marmore” o “Lago di Piediluco” come località di arrivo o di partenza. Oppure i biglietti possono essere richiesti sia nelle biglietterie Trenitalia che presso i punti vendita autorizzati della Lottomatica, tabaccai, ecc. L’altro vantaggio sta nella facilità d’uso del servizio. Nella stazione di Terni –sono stati collocati dei pannelli di indicazione molto visibili, che indirizzano verso il punto di fermata dei bus. Le fermate, sia a Terni che alla Cascata e al Lago, sono state personalizzate con una grafica su sfondo rosso che permette di individuarle.”.

“Altri vantaggi – sottolinea l’assessore Melasecche - sono dati dal prezzo dell’intero viaggio treno + bus da Roma alla Cascata delle Marmore, per un adulto costa 9,05€. Da Foligno al Lago di Piediluco costa 8,05€. Per quanto riguarda la Cascata delle Marmore chi arriva in treno può avere anche uno sconto sul biglietto d’ingresso al parco, Infatti, grazie all’accordo siglato tra Trenitalia e il Comune di Terni, si paga il prezzo ridotto (8 euro) anziché il prezzo intero (10 euro). Per ottenere la riduzione è sufficiente mostrare alle casse il biglietto per Terni, Marmore o Cascata delle Marmore, valido per lo stesso giorno di ingresso al parco o per i due giorni precedenti. Della promozione possono beneficiare anche tutti gli abbonati regionali Trenitalia Umbria, con abbonamento in corso di validità, con origine o destinazione una qualunque stazione dell’Umbria. Ci attendiamo un buon riscontro – continua l’assessore - in termini di numeri e di gradimento da parte di coloro che vorranno raggiungere l’Umbria comodamente in treno, Terni è servita efficacemente sia dalla relazione Ancona–Roma che Roma-Perugia/Foligno. Il successo che attendiamo è nel tempo quello osservato con il primo esempio di Link creato in Umbria, Assisi Link, che dal 2019 consente di raggiungere in treno+bus il centro della città di San Francesco. In un’ottica di lungo termine, la creazione di formule di mobilità sostenibili e su misura come queste renderà sempre più accessibile il territorio umbro. L’utilizzo della combinazione treno-bus genera valore anche sul piano della sostenibilità ambientale, limitando l’uso indiscriminato dell’auto privata. E’ quindi di grande soddisfazione per la Regione presentare questi nuovi servizi. Ringrazio Trenitalia e Busitalia per questa disponibilità e dinamicità che consentono di guardare al futuro del TPL in Umbria con sempre maggiore fiducia. Non sono solo le grandi riforme infrastrutturali come la “rivoluzione copernicana” per riaprire e rigenerare la FCU, la velocizzazione, tendente al raddoppio, della Orte-Falconara, l’ottenimento delle fermate di Terontola ed Orte di due Freccia Rossa per Milano, ma anche i numerosi miglioramenti che abbiamo apportato ai treni regionali e le piccole offerte come quella odierna che incrementano i flussi turistici verso località particolarmente interessanti. Recentemente – conclude l’assessore - anche la collaborazione con Busitalia per consentire a migliaia di turisti di accedere dai parcheggi di Norcia e Forca Canapine alla Piana di Castelluccio in occasione della Fioritura rappresenta un altro esempio di sperimentazione vincente di cui andiamo orgogliosi, che intendiamo consolidare per il futuro e diffondere ogniqualvolta se ne presenti l’opportunità”.