Scoperto e recuperato dai carabinieri di Giove carico di batterie rubate

Il materiale era destinato ad essere illegalmente venduto sul mercato centroafricano
Terni

I Carabinieri del Comando Provinciale di Terni hanno intensificato su tutto il territorio i controlli alla circolazione stradale in vista delle imminenti festività con la duplice finalità di garantire una circolazione sicura e di intercettare i soggetti dediti ai reati contro il patrimonio facenti parte della c.d. “criminalità pendolare”.

Un equipaggio dell’Arma di Giove (Tr), nel corso di un controllo di un tir in transito nei pressi del casello autostradale di Attigliano (Tr), si è imbattuto in un carico sospetto. I militari hanno infatti notato che sulla bisarca trainata dalla motrice erano presenti due autocarri sprovvisti di targhe ed in pessimo stato d’uso. L’insolito carico ha convinto i Carabinieri a procedere ad un controllo della documentazione di trasporto riscontrando alcune anomalie alle quali l’autista, dipendente di una ditta di trasporti campana, non ha saputo dare spiegazioni. A quel punto i militari, coadiuvati nelle operazioni dai colleghi dell’Arma di Guardea (Tr), hanno proceduto ad una perquisizione più accurata dei due veicoli. Venivano quindi ispezionati i due autocarri all’interno dei quali i militari trovavano stipati numerosi materassi posizionati in modo tale da coprire dell’altro. Sotto tale “copertura” i Carabinieri scoprivano il “vero” carico: ossia oltre 250 batterie tampone per ponti ripetitori di tv e telefonia mobile. Le batterie, di un valore complessivo di oltre 80.000 €, come poi accertato, sono il provento di una serie di furti commessi nell’area dell’hinterland napoletano. Il materiale, in base alle successive indagini svolte, era destinato ad essere illegalmente venduto sul mercato centroafricano e più precisamente in Togo.

Le batterie sono state sequestrate ed il camionista, un 45enne laziale senza precedenti, è stato deferito in stato di libertà per ricettazione.