Terni, parte il progetto la Banca del Tempo

Per sentirsi parte attiva della comunità locale
Argomenti correlati
Terni

E’ stato presentato al centro Sociale Ferriera, il progetto la Banca del Tempo. Si tratta di un percorso progettuale partecipato, avviato dall’amministrazione comunale, in particolare dall’assessorato alle politiche sociali e alla partecipazione che vede il coinvolgimento del CeSVol, come soggetto proponente e di altri attori attivi nel territorio come ACLI, ARCI, Oratorio San Giovanni Bosco, il Palazzone, Centro Sociale Guglielmi. Oggi, il progetto si inserisce all’interno del macro-contenitore di Agenda Urbana, area servizi educativi territoriali di comunità a supporto della conciliazione vita/lavoro.

“Infatti, in una città come Terni - dichiarano i referenti della Direzione servizi sociali del Comune di Terni - questa iniziativa può permettere a numerose famiglie di vivere riuscendo a conciliare i tempi di vita con i tempi di lavoro e sentirsi parte della comunità locale. La ricchezza delle relazioni che si crea nelle banche agisce in modo positivo sull’organizzazione della vita familiare, crea coesione sociale all’interno dei quartieri, è quindi una risorsa per tutta la collettività, un bene comune per tutti”.

La Banca del tempo rappresenta uno strumento efficace cui far incontrare, in modo organizzato, l’offerta del volontariato con le esigenze delle fasce più deboli: è finalizzata sia a mettere in rete tutte le iniziative e le disponibilità al volontariato, sia dei singoli cittadini sia delle associazioni, ma è anche essa stessa un elemento di promozione e valorizzazione del volontariato. L’elemento che viene scambiato è il tempo, si dà per ricevere, si chiede tempo per restituirlo, pertanto si parla di reciprocità indiretta. Si possono scambiare attività, competenze, saperi secondo una modalità individuale, di gruppo, alla pari. Infatti, si possono iscrivere soggetti singoli, ma anche collettivi ( es. associazioni, cooperative, comitati, scuole, enti pubblici ). L’adesione è libera e volontaria.

Nel territorio sono dislocati i seguenti sportelli informativi, dove oltre a ricevere informazioni può essere effettuata l’iscrizione: Filiale c/o ACLI Famiglia (via Gioacchini Rossini, 117 – venerdì dalle ore 10 alle ore 12 0744/407647); Filiale c/o Oratorio S. G. Bosco (via delle Terre Arnolfe, 18 – venerdì dalle ore 16 alle ore 18 – 3203444988); Filiale c/o ARCI Polisportiva Boccaporco (via Ippocrate, 8 – venerdì dalle ore 17 alle ore 19 – 0744/274002); Filiale c/o ARCI (viale B. Brin, 115 – giovedì dalle ore 10 alle ore 12 – 0744/460493).

“Progetti come questo - afferma l’assessore alle politiche sociali e alla partecipazione Marco Celestino Cecconi - sono fondamentali per recuperare comportamenti basati su logiche volontaristiche e non commerciali, incrementando così il capitale sociale della comunità, per ricostruire e rinsaldare le relazioni tra le persone, per far incontrare iniziative pubbliche e private e per valorizzare le risorse sociali presenti nel nostro territorio”.

Altre informazioni possono essere richieste a: Ufficio Welfare Comunitario del Comune di Terni – Marcella Contessa - tel. 0744/549356 – marcella.contessa@comune.terni.it; CeSVol - Via Montefiorino n. 12/c - 0744 812786; terni@cesvol.net).