Farindola, trovato il corpo senza vita di Alessandro Riccetti

Il ragazzo di Terni lavorava nell'hotel inghiottito dalla neve una settimana fa. Si continua a lavorare senza sosta nella speranza di trovare altre persone in vita
Canali:
Terni

La notizia tanto temuta alla fine è arrivata. Alessandro Riccetti è morto nella tragedia di Farindola. Il corpo del ragazzo 33enne di Terni, impiegato nell'hotel Rigopiano, è stato recuperato dai soccorritori nella notte appena trascorsa. La popolazione di Terni è sconvolta e scioccata per la notizia appresa.

Sono in tutto 18 ad oggi le vittime della strage della valanga che ha travolto il noto albergo. Tra questi figura anche il corpo di Roberto Del Rosso tra le vittime recuperate all’ interno dell’hotel Rigopiano; sono stati identificati anche i corpi di Paola Tomassini, Stefano Feniello, Marco Vagnarelli e Pietro Di Pietro, oltre Linda Salzetta, l’estetista ( ritrovata lunedì)  e sorella di Fabio,noto per le sue molteplici responsabilità operative nell'albergo e sopravvissuto alla tragedia. 
I risultati dei vigili del fuoco sono arrivati dopo aver cercato nella giornata di martedì di aprire un varco nel muro di 80 centimetri dell'albergo tra  la cucina è il  bar e  con questa operazione sono stati salvati Adriana Parete e suo figlio Gianfilippo e poi i tre piccoli Edoardo, Ludovica e Samuel. 
Le  stanze prima delle cucine sono ridotte ad un cumulo di detriti,  la maggior parte di queste sono state travolte dalla violenza della valanga e sorge il dubbio che se qualcuno era lì dentro, trovarlo ancora in vita è un' impresa ardua a cui non credono neanche tutti gli  uomini che lavorano senza sosta da sei giorni.  

A breve altri aggiornamenti.