Ast Terni, accordo per 60 milioni di investimenti

Confermati i progetti per il 2019-2020 e l’impegno del Governo per la produzione di acciaio inox
Terni

L’Ast di Terni investirà 60 milioni di euro per il biennio 2019 e 2020 come già annunciato nei mesi scorsi, inoltre, il governo si è impegnato a supportare lo sviluppo dell'azienda e delle sue specificità produttive, in particolare le produzioni di acciaio inox per il sistema manifatturiero italiano.

Il confronto al ministero dello sviluppo economico, è durato oltre sette ore, tra l'amministratore delegato Massimiliano Burelli e i rappresentanti dei sindacati nazionali e territoriali con la presenza del vice capo di gabinetto Giorgio Sorial.

Sul fronte occupazionale viene mantenuto l’organico di 2356 occupati con la riduzione del personale con qualifica impiegatizia di 50 unità, ricorrendo a strumenti di mobilità volontaria e incentivata.

L’altra importante novità è la stabilizzazione con contratti a tempo indeterminato del personale attualmente utilizzato con contratti a tempo.

Confermati i volumi produttivi di 940 mila tonnellate di acciaio liquido fino a un milione nel biennio con un incremento della capacità produttiva di laminato a freddo del 6% all'anno che sarà ottenuto mediante l'incremento della produttività ed investimenti sugli impianti.

La piattaforma integrativa verrà affrontata in azienda entro il 28 giugno.