Arrestato un 22enne per l’ipotesi di reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente

Trovato con 60 grammi di hashish dentro un borsello
Tavernelle di Panicale

Nel tardo pomeriggio del 26 febbraio scorso, i militari della Stazione di Tavernelle hanno tratto in arresto in flagranza, per l’ipotesi di reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti un cittadino italiano, 22 enne, residente dell’area lacustre, già noto alle Forze di Polizia.

Il giovane, che si trovava in una località appartata insieme a un ragazzo e una ragazza, suoi coetanei, è stato controllato dai militari. Questi ultimi hanno notato che, sopra un muretto, vicino al giovane, si trovava un borsello di colore nero e, insospettiti, hanno chiesto ai ragazzi a chi appartenesse.

I tre hanno assunto un atteggiamento piuttosto nervoso ed i Carabinieri, a quel punto, hanno subito verificato il contenuto del borsello, al cui interno era nascosta della sostanza stupefacente del tipo hashish per un peso totale di 60 grammi.

Dopo gli accertamenti del caso, il 22enne si è assunto la paternità del possesso dello stupefacente e, successivamente, è stata eseguita la perquisizione domiciliare presso l’abitazione del giovane, che ha dato esito negativo.  

L’arrestato è stato condotto presso gli uffici della Stazione di Tavernelle per le incombenze di rito, dopo di che, su disposizione dell’ A.G. di Perugia, è stato rimesso in libertà. La droga rinvenuta è stata posta sotto sequestro per i successivi esami di laboratorio.

Il risultato operativo conseguito con l’arresto del giovane per detenzione di stupefacenti, rientra nell’incessante controllo dell’aerea della Valnestore, nei comuni di Panicale e della frazione di Tavernelle, da parte dei militari dell’Arma dei Carabinieri con servizi finalizzati a prevenire e reprimere tutte le tipologie di reato ed in particolare quelli riguardanti il consumo di droga, specialmente tra i più giovani.