A Spoleto si gira “Don Matteo 12”

Iniziano il 20 maggio le riprese della nuova stagione della serie Tv che vede il prete investigatore contribuire a rendere ancora più famosa l’Umbria e le sue meraviglie
Spoleto

 Tutto pronto per il primo ciak di “Don Matteo 12”. Secondo i programmi la troupe dovrebbe iniziare a girare dal 20 maggio.
E dunque Spoleto ospiterà, per la terza volta consecutiva, la nota fiction di Rai Uno con Terence Hill nei panni di prete detective. L'operazione, come nelle precedenti edizioni, sarà sostenuta dall'amministrazione comunale con i proventi della tassa di soggiorno, da Confcommercio e dall'Associazione Albergatori. Ad annunciare il ritorno di Don Matteo era stato già il sindaco De Augustinis all'inizio di aprile in seguito agli incontri con gli operatori turistici cittadini e con la Lux Vide, società di produzione della serie tv. 

La popolare fiction prodotta dalla Lux Vide è ormai di casa in Umbria.
La Citta dei Duchi si conferma ancora una volta perfetta location del set per il cast capitanato da Terence Hill e Nino Frassica. Il piano di lavorazione prevede 12 settimane non consecutive di riprese che si protrarranno fino a ottobre/novembre. Un primo blocco da maggio alla seconda meta di giugno.
L’accordo per la nuova stagione di Don Matteo a Spoleto è stato raggiunto grazie alla collaborazione tra Lux Vide, Regione, Comune di Spoleto e al consorzio degli operatori turistici Con- Spoleto, che insieme alla Confcommercio fornisce il supporto logistico ed organizzativo alla produzione.
L’amministrazione municipale ha sostenuto la precedente stagione del prete detective con circa 60 mila euro, finanziati con gli introiti della tassa di soggiorno, a cui poi si e sommata l’iniezione della Fondazione Carispo e pure della Banca popolare di Spoleto. In questo senso, ad accogliere troupe e cast, fornendo loro vitto e alloggio durante i periodi delle riprese, saranno le strutture alberghiere della citta, che ospitano tecnici, registi e attori a cui vengono praticate tariffe molto lontane da quelle di mercato. Da capire, invece, se la Regione confermera ancora una volta l’investimento delle pillole video dai territori dell’Umbria, in cui gli attori di Don Matteo dialogano e si muovono nei borghi e nelle citta della regione, che vengono poi trasmesse su Rai1 prima della messa in onda della puntata: nel 2017 l’operazione costo quasi 700 mila euro e venne finanziata con fondi comunitari. Del resto, a ben vedere, piu che un impegno economico l’impiego di risorse si puo considerare un vero e proprio investimento. Basti ricordare che i primi dati significativi dell’impatto di Don Matteo sui trend turistici a Spoleto si sono registrati subito dopo la messa in onda della nona stagione della fiction, quando nei musei della citta e negli uffici di accoglienza si sono avuti incrementi di visitatori, calcolati intorno al 35% in piu.
E che agli eugubini “ancora gli girano” e cosa ovvia.
Correva l’anno 2014 quando la fiction lascio Gubbio per trasferirsi nella citta del Festival. Una “offesa” per la Citta dei Ceri che non si e mai placata.
E intanto, manco a dirlo, per Don Matteo 12 si registra gia un acceso interesse.
“Sono tantissime le persone che mi hanno contattata”, dice Olga Pasqualini che gestisce gli appassionati della fiction che si riconoscono nel gruppo social “Don Matteo 12 Spoleto”.
Lo stesso vale per il “Don Matteo 12 Terence Hill Fan club” guidato da Cinzia Pacino: “Mi hanno inviato messaggi piu di cinquanta - spiega - non solo da tutta Italia ma anche dall’estero, persino una ragazza dall’America centrale”. Il presidente di ConSpoleto e rappresentante della locale Confcommercio, Tommaso Barbanera, dice che al momento si sta lavorando per superare alcune criticita (ad esempio la questione del ventilato aumento della tassa di soggiorno). “Nel frattempo - spiega - le singole strutture ricettive si stanno organizzando per promuovere appositi pacchetti”.
Sta di fatto che le prime indiscrezioni sul ritorno a Spoleto di troupe e cast hanno riattivato l’interesse a soggiornare in citta per poter vivere in prima persona l’emozione del set e vedere all’opera gli storici protagonisti, primi fra tutti, Terence Hill e Nino Frassica, ma c’e grande attesa anche per le new entry, Maria Chiara Giannetta nei panni del capitano Anna Olivieri e per l’annunciato Stefano De Martino che dovrebbe partecipare ale riprese gia dal primo ciak.