Trovata acqua calda in un pozzo di Icciano, una frazione di Spoleto, è il secondo caso anomalo nella zona

Il primo fenomeno a San Martino in Trignamo nel 2015
SPOLETO

A pochi chilometri dalla zona di San Martino in Trignano che nel Dicembre del 2015 registrò il caso di un pozzo di campagna da cui fuoriusciva acqua calda che raggiunse i 5Ogradi, si è ripetuto lo stesso caso.

La località dove è stato scoperto il nuovo pozzo è quella di Icciano. Increduli i tecnici del centro di geofisica e vulcanologia della INGV che non si spiegano ancora una volta lo strano fenomeno .
All'epoca dei fatti per il pozzo di San Martino in Trignano  l' Ingv , dopo accurate analisi ,affermò che la Radioattività era naturale e nella norma.
In questi due giorni sono stati prelevati dei campioni dell'acqua  dal pozzo di Icciano e si sta cercando di capire se il caso possa essere collegato all'effetto del sisma, la cosa  strana è che,a distanza di un anno, i tecnici non sono riusciti a dare una risposta valida del fenomeno e che non si tratta di una fonte sulfurea di cui l'Italia è piena .