Arrestato sessantenne in centro con una pistola, un'ascia e un coltello

Il fermato, identificato come un cittadino italiano di origini campane, è stato rinchiuso nel carcere di Capanne
Spoleto

Momenti di paura a Spoleto nel tardo pomeriggio di ieri, quando tre militari dell’Esercito Italiano, inquadrati nell’Operazione Strade Sicure e al momento liberi dal servizio, mentre si trovavano nella centralissima Piazza Garibaldi, si avvedevano della presenza di un uomo che si aggirava nei pressi di un locale pubblico e dopo essersi seduto ad un tavolo veniva notato in possesso di una pistola.

Immediatamente i militari, senza dare nell’occhio, avvisavano alcuni Agenti della Polizia Locale presenti nella Piazza, i quali, vista la delicatezza della situazione, ritenevano necessario fare intervenire una pattuglia della “Squadra Volante” del locale Commissariato di Polizia di Spoleto, la quale, nel giro di un paio di minuti, giungeva nella suddetta piazza.

Dopo aver fatto allontanare in sicurezza altri avventori dalle vicinanze del soggetto, questi veniva monitorato dai poliziotti e, seguendo le procedure del caso, sottoposto a controllo.

L’uomo, immediatamente sottoposto a controllo, veniva trovato in possesso di un’ascia, una pistola semi automatica perfettamente funzionante con matricola abrasa ed un coltello.

Il fermato, identificato come un cittadino italiano di origini campane, classe 1961, una volta messo nella condizione di non nuocere, veniva sottoposto a maggiori controlli, estesi anche nel proprio domicilio, i quali permettevano di rinvenire una balestra perfettamente funzionante anch’essa, come gli altri oggetti e l’arma da fuoco sottoposti a sequestro, vista la pericolosità del soggetto.

L’uomo, con numerosi precedenti penali a proprio carico, è stato tratto in arresto per porto abusivo di armi bianche e per detenzione e porto abusivo di arma da fuoco clandestina e, su disposizione dell’A.G., veniva trasferito presso la Casa Circondariale di Perugina Capanne in attesa dell’udienza con rito direttissimo.