Intervento con l’uso del robot all’ospedale di Spoleto

L'equipe del dottor Mearini ha eseguito una straordinaria operazione chirurgica su un paziente di 73 anni
Spoleto

Eseguito con successo al’ospedale di Spoleto un delicato intervento su un paziente di 73 anni, affetto da un tumore che ha interessato il rene destro, quello sinistro e la prostata. L’intervento, in un’unica seduta, è stato particolarmente impegnativo – sottolinea l’Usl – per il personale medico ed infermieristico della sala operatoria. Eseguito dai dottori Carlo Vivacqua, con il supporto di Marco Trippetti e Giovanna Landi, anestesisti e altro personale, oltre a essere considerato una “indubbia evoluzione” per la chirurgia urologica del presidio di Spoleto, completa – si sottolinea in una nota – “il panorama delle procedure chirurgiche per le quali il sistema robotico è stato sviluppato ed impiegato in ambito nazionale ed internazionale, consentendo, grazie alla ridotta invasività, di intervenire in unica seduta per risolvere casi altrimenti complessi”.
  "Il nostro obiettivo - spiega il dottor Luigi Mearini, direttore del dipartimento di Chirurgia dell'Azienda Usl Umbria 2 e della struttura complessa di Urologia - è confermare e consolidare una delle importanti esperienze di chirurgia robotica che può contare sulla professionalità di colleghi medici ed infermieri molto preparati e motivati, che con impegno ed abnegazione hanno costruito un ambiente ideale per proseguire e potenziare questa esperienza. Un ringraziamento particolare lo rivolgo agli infermieri della sala operatoria, senza il cui supporto molto di quello che facciamo sarebbe impensabile".