Spoleto: il Prefetto Gradone smentisce l'allarme di infiltrazioni mafiose

De Augustinis aveva dichiarato: "Presunte infiltrazioni della malavita a Spoleto"
Spoleto

Nessuna infiltrazione mafiosa a Spoleto. Questa la rassicurazione del Prefetto Antonio Gradone rivolta ai dieci consiglieri del comune di Spoleto che avevano chiesto chiarificazioni riguardo le affermazioni del sindaco De Augustinis, riguardo una presunte infiltrazioni mafiose nello spoletino.

"Da oltre due anni - avevano scritto i consiglieri comunali in una nota - assistiamo a certe sue dichiarazioni e allusioni effettuate in sedi istituzionali come il Consiglio Comunale o anche al di fuori dello stesso ma che ad oggi, nonostante le richieste di chiarimento da parte della minoranza consiliare, non hanno avuto risposta alcuna da parte del Sindaco".

"Non risultano concreti elementi di allarme su possibili tentativi di condizionamento della pubblica amministrazione e di infiltrazione nell'economia legale di sodalizi mafiosi", ha commentato il Prefetto di Perugia, aggiungendo che, in ogni caso, la guardia va mantenuta alta, riportando alle autorità qualsiasi evidenza e conoscenza di crimini simili.

"Rimangono purtroppo le perplessità - hanno commentato i dieci consiglieri riuniti -, mai circostanziate e che, se prive di riscontro, hanno solo l'effetto di ledere l'immagine della nostra città. Per questo come consiglieri comunali invitiamo il Sindaco ad evitare certe pubbliche affermazioni 'delicate', anche in virtù della propria professione, a portarle all'attenzione degli organi preposti al fine non di meno di non pregiudicare eventuali indagini in corso".