David Militoni: “Per la rateizzazione più lunga serve il parere dei revisori dei conti”

Il capogruppo della Lega interviene sulla richiesta delle associazioni di categoria
Spoleto

A Spoleto in consiglio comunale si è parlato di tributi Ica e Tari e del piano di manutenzione delle strade.
Da registrare la  mossa messa in atto dal gruppo consiliare di Fratelli d’Italia che ha inviato una “Lettera aperta” (a firma dei tre consiglieri Stefano Polinori, Antonio Di Cintio e Paola Vittoria Santirosi) con cui, facendosi portavoce delle associazioni di categoria, si chiede al sindaco De Augustinis di rivedere criteri e scandenze per l’Ica e la Tari, minacciando che se così non fosse il gruppo non assicurerà più il proprio sostegno esterno alla Giunta.
In sostanza i consiglieri chiedono di dilazionare a 120 giorni le rate delle cartelle Ica, rivedere le scadenze della Tari, creare un fondo da mettere a disposizione delle imprese in difficoltà prevedendo l’esenzione dei tributi per i tre mesi di lockdown. 
Va comunque registrato a proposito che durante i lavori della competente III Commissione, nessuno dei consiglieri verdi, a cominciare dal capogruppo David Militoni, ha voluto rimarcare le distanze. Anzi al termine dei lavori i leghisti hanno sostanzialmente apprezzato il programma, con Militoni che ha voluto precisare: "La volontà di accogliere tutte le richieste delle associazioni di categoria. Ma se sarà possibile una dilazione più lunga per il pagamento dei tributi ce lo potranno dire solo i revisori dei conti".