A Stefano Bollani il Premio “Una Finestra sui Due Mondi”

Sabato 13 luglio a Casa Menotti
Spoleto

Arte, cultura, territorio e buona tavola. I tesori che rendono unica l’Italia sono gli ingredienti del ricco programma di eventi che Monini promuove al 62° Festival dei Due Mondi di Spoleto (28 giugno – 14 luglio).
L’edizione 2019 si preannuncia particolarmente sontuosa: l’azienda spoletina celebra infatti quest’anno i 10 anni del Premio “Una Finestra sui Due Mondi”, prestigioso riconoscimento che fin dal 2010 viene assegnato a una grande personalità del Festival – da John Malkovich a Michail Baryšnikov, da Willem Dafoe e Juliette Gréco – e “raddoppia” premiando anche una giovane leva pronta a spiccare il volo.

Il decimo compleanno sarà festeggiato con una mostra fotografica, “Ritratti alla Finestra”, aperta gratuitamente al pubblico per tutta l’estate (28 giugno – 29 settembre) presso Casa Menotti.
Le sale del Palazzo quattrocentesco, che negli anni hanno ospitato il gotha della cultura del ’900, si animeranno con 23 scatti – 18 moderni e 5 d’epoca -  di grandi personaggi ritratti appunto alla finestra di Casa Menotti, in omaggio al gesto iconico del Maestro che era solito salutare il pubblico del Festival.

E proprio da quella cornice si affaccerà quest’anno Stefano Bollani, il poliedrico pianista e compositore che sarà insignito del Premio “Una Finestra sui Due Mondi” sabato 13 luglio a Casa Menotti.

Per il 62° festival dei Due Mondi Monini celebra anche l’arte della danza, da sempre una delle grandi protagoniste della kermesse, sostenendo uno degli appuntamenti più attesi nel calendario della sezione Danza: My French Valentino, che sarà portato in scena dall’École-Atelier Rudra Béjart di Losanna il 28, 29 e 30 giugno.

E proprio a un giovane talentuoso danzatore dell’École-Atelier Rudra Béjart verrà assegnata il 28 giugno, sempre a Casa Menotti, la statuetta “junior”: il Premio Giovani “Una Finestra sui Due Mondi andrà infatti a  Pierre Antoine Bardot, che interpreterà proprio Valentino il 28 e il 29 giugno a Spoleto nel balletto My French Valentino.

Spazio infine alla convivialità e al piacere del palato con gli “Aperitivi in Terrazza” per gli artisti protagonisti del Festival a Casa Menotti, rito recuperato da Maria Flora Monini per deliziare gli ospiti della kermesse con i sapori più veri e genuini dell’Umbria – a cominciare dall’extra vergine di casa.