Iniziata la corsa contro il tempo per sanare l’Ecomostro

I palazzi della Posterna giudicati dalla Corte d'Appello di Firenze un abuso edilizio saranno presto messi in regola.
Argomenti correlati
Spoleto

I palazzi della Posterna giudicati dalla Corte d'Appello di Firenze un abuso edilizio saranno messi in regola. E' iniziata la corsa contro il tempo per sanare l'Ecomostro.
Sì, perché la sospensione della demolizione concessa dal giudice d'esecuzione dello stesso tribunale scadrà il 31 dicembre e anche se l'assessore al bilancio Claudio Zucchelli, durante la conferenza stampa di fine anno di martedì, ha spiegato che "il termine non è perentorio", è chiaro che i tempi per arrivare a una soluzione ed evitare la demolizione dei 15 mila metri cubi a ridosso delle mura antiche sono sempre più stretti.
Risale al 2006 il rilascio dei permessi a costruire dei palazzi della Posterna, annullati nel 2015 dalla Cassazione per abuso edilizio (con demolizione).
Tredici anni fa i titoli autorizzativi furono concessi nell'ambito del Piano di ristrutturazione urbanistica (Paru) della zona della Posterna, che versava in condizioni di degrado. Il Paru venne adottato nell'ottobre 1998 e poi approvato nell'aprile 1999 dal consiglio a seguito di una raffica di pareri favorevoli rilasciati dal Comune, Regione, Provincia e Soprintendenza.