"Ospedale di Spoleto senza i servizi essenziali, chiare responsabilità della giunta regionale"

De Luca (M5s), sulla donna che ha dovuto aspettare quasi un'ora l'ambulanza giunta da Foligno
Argomenti correlati
Spoleto

“Una donna accusa un malore davanti l'ospedale di Spoleto ma deve aspettare quasi un'ora l'ambulanza che arriva da Foligno. Una situazione incresciosa quella raccontata oggi dal Messaggero in un territorio che soffre terribilmente la scelta di riconversione del nosocomio in Covid Hospital”.
Così il capogruppo regionale M5S, Thomas De Luca, che aggiunge “a Spoleto mancano totalmente i servizi essenziali e mancano pure le ambulanze, che devono arrivare da Foligno. Sono chiare ed evidenti le responsabilità dell'attuale maggioranza leghista che ha sfiduciato il sindaco De Augustinis, colpevole di aver difeso il diritto alla sanità dei suoi cittadini opponendosi alle scelte piovute dall'alto”.

Secondo il consigliere regionale “per quanto riguarda l'incresciosa piaga dei tempi di intervento dei mezzi di soccorso in Umbria, è ormai un anno che denunciamo la carenza strutturale di presidi, mezzi e risorse del servizio di emergenza/urgenza che si riflette negativamente sulla salute dei cittadini. L'episodio raccontato dal Messaggero ha dell'incredibile. Una donna, forse colta da un colpo di calore, accusa un malore davanti l'ospedale di Spoleto. Fortunatamente soccorsa con prontezza da un infermiere in servizio al vicino Sert e assistita dalla Polizia Locale. E l'ambulanza? Ne sono state contattate due, riporta il quotidiano che cita testimoni dell'accaduto, ma nessuna era disponibile. Soltanto dopo un'ora è arrivato un mezzo della Croce Bianca addirittura da Foligno. Da mesi – conclude De Luca - segnaliamo la mancanza di presidi sui territori aggravando ancor di più la situazione. Nella Media Valle del Tevere il 48 percento degli interventi supera i 20 minuti massimi previsti dalla legge. Ad Orvieto il 51 percento degli interventi avviene in un tempo superiore a 20 minuti, a Pantalla il 48 percento, ad Avigliano il 42 percento, ad Amelia il 39 percento, a Guardea il 42 percento, a Ferentillo il 38 percento. Un anno fa avevamo chiesto all'assessore alla Sanità, Luca Coletto, di porre questa emergenza al primo posto nell'agenda regionale. Un problema che la Giunta continua a ignorare”.