Il cicloturismo come risorsa importante per l’Umbria

Accordo di collaborazione fra Consorzio Umbria & bike e Comune di Spoleto
Argomenti correlati
Spoleto

Di Lorella Cucchiaroni - Un altro passo avanti per promuovere il cicloturismo in Umbria. Il Consorzio Umbria & bike - nato per valorizzare e commercializzare l’offerta cicloturistica dell’Umbria, e che attualmente rappresenta un centinaio di aziende situate in tutto il territorio umbro,

fra strutture turistico-ricettive, attività commerciali e aziende di servizi - ha appena sottoscritto un importante accordo con il Comune di Spoleto per rafforzare le azioni di collaborazione tra i due soggetti, puntando sulle due eccellenze del territorio, che sono la ciclabile Assisi - Spoleto e il tracciato della ex ferrovia Spoleto – Norcia.

L’accordo tra il Comune di Spoleto e il Consorzio Umbria & bike è stato firmato, a Palazzo Mauri, dalla dirigente alla cultura Stefania Nichinonni e il presidente del Consorzio Rolando Fioriti, alla presenza del consigliere comunale Roberto Settimi. I contenuti dell’intesa prenderanno subito corpo con la grande Pedalata non agonistica che il prossimo 4 settembre si svilupperà sul percorso della vecchia ferrovia Spoleto – Norcia, con tre diversi itinerari da percorrere in mountain bike, secondo le possibilità di ognuno dei partecipanti.

L’iniziativa di settembre è solo una delle molte già organizzate in Umbria, nel corso del 2016, dal Consorzio Umbria & bike. Ultima, in ordine di tempo, il progetto della Randonée del Trasimeno, che nei giorni scorsi ha avuto molto successo, con la partecipazione di bikers provenienti da diverse regioni italiane. Una seconda Randonée sarà organizzata in autunno, questa volta nell’Alta Umbria.

”L’Umbria – commenta il presidente del Consorzio Umbria & bike Rolando Fioriti – si presta moltissimo a questo tipo di iniziative e allo sviluppo di questa tipologia di turismo, che in certe regioni europee ha raggiunto risultati economici eccellenti. Tra chi sceglie di fare una vacanza “attiva” in Italia, i cicloturisti, in gran parte stranieri, sono la netta maggioranza (31%). Per il suo territorio, i suoi paesaggi, l’arte, la cultura, la genuinità dei cibi e la qualità della vita, l’Umbria può aspirare a crescere moltissimo nel turismo eco-sostenibile. Già molto è stato fatto, anche con la messa in esercizio della ciclabile Assisi - Spoleto e la ex ferrovia Spoleto – Norcia, che insieme fanno un percorso di 102 km, già premiato al Cosmo bike show di Verona, lo scorso settembre, come la ciclovia più bella d’Italia. Bisogna continuare a investire sul turismo in bicicletta – conclude Fioriti - per far decollare definitivamente questo settore”.