Quel servizio “anonimo” al mercatino dell’usato

Presenti mezzi del nucleo di Protezione Civile Anc di Spoleto, con i simboli coperti
Spoleto

Come abbiamo già riportato su questa testata giornalistica la presidenza nazionale - Ass. Naz.le Carabinieri - ha disposto, nel dicembre 2018, l, diffidando i relativi soci, (che fin dal settembre del 2015 avevano deciso di non far parte dell'istituendo Nucleo di P.C. Regionale Umbria), ad astenersi, per il futuro, dall’utilizzare simboli, emblemi, insegne, nomi, uniformi e segni distintivi in genere propri dell’ANC, riconducibili, comunque, all’ANC.
Una disposizione (quella dell'anonimato) di certo rispettata dai soci Anc di Spoleto, che comunque non hanno ottemperato fino in fondo ai dettami imposti dai soprintendenti.
Basti dire che in occasione del Mercatino dell’Antico, che si svolge ogni seconda domenica del mese a Spoleto, i detti soci hanno comunque partecipato utilizzando i mezzi dell'Arma, ma ovviamente guardandosi bene dal nascondere i simboli e gli emblemi riconducibili alla Anc.

Basta guardare le foto dei mezzi che erano presenti alla manifestazione, dove si vede benissimo che la scritta “stazione mobile” è rimasta evidente, ma avendo cancellato il resto delle indicazioni rimane l'incognita di sapere “mobile di chi?”.

L'altra auto ha tutto coperto, compresi i lampeggianti.
Ora c'è da capire se tale “servizio” di sorveglianza e di protezione civile sia stato offerto in maniera gratuita o se invece il Comune di Spoleto ha sborsato del denaro in cambio, e soprattutto, a quel punto, da capire a chi ha fatturato tale incombenza.
È evidente che se il Comune avesse pagato si sarebbe venuta a creare una irregolarità preoccupante che dovrebbe essere comunque chiarita nelle sedi giuste e opportune.
Perché vale la pena ribadirlo ancora una volta, se una volta era Anc nucleo Protezione Civile di Spoleto ad avere la convenzione per tale servizio, oggi che tale nucleo è stato “cancellato” dalla presidenza nazionale, va da sé non può più svolgere tale prestazione, né in maniera anonima né tantomeno in maniera “furbesca”.