Brunello Cucinelli premiato a Londra come "best designer"

Tra le motivazioni alla base del riconoscimento, l'avere "creduto fermamente in una sorta di capitalismo umanistico e sostenuto l'artigianalità nel mondo della couture"
Solomeo

Brunello Cucinelli è il fondatore dell’azienda e del marchio che porta il suo nome da 43 anni.
Presidente esecutivo della società e dell’omonima fondazione, intitolata a lui e alla moglie Federica, ha conservato pure la carica di amministratore delegato ed è stato lui a portare l’azienda in Borsa, nel 2012. Ma forse non tutti sanno che Brunello Cucinelli è direttore creativo della società. Ed è proprio per questo ruolo che Cucinelli ha appena ricevuto a Londra il premio Designer of the Year (stilista dell’anno) dall’edizione britannica di GQ, il mensile del gruppo Condé Nast che si rivolge prevalentemente a un pubblico maschile (anche se negli ultimi anni le definizioni di magazine maschile e femminile sono andate sfumando). GQ sta infatti per Gentlemen’s Quarterly, ovvero trimestrale per uomini, con un riferimento alle origini, quando appunto la rivista aveva una scadenza diversa da quella di oggi.
GQ ha così motivato il riconoscimento a Brunello Cucinelli: «Il termine italiano sprezzatura è meraviglioso - la traduzione più vicina in inglese è una sorta di “leggera, studiata noncuranza”. Brunello Cucinelli, è il sovrano incontrastato della sprezzatura e, proprio come la parola, non ne esiste una facile traduzione o paragone: è unico nel suo genere. Dal 1978 ha iniziato la sua attività credendo fermamente in una sorta di capitalismo umanistico, ha sostenuto l’artigianalità nel mondo della couture, e ora è a capo di una casa di moda che incarna un profondo rispetto per gli artigiani anche se genera un fatturato annuo di oltre mezzo miliardo di euro. Il suo nome è sinonimo di eccellenza italiana».

 Il premio è stato consegnato alla Tate Modern, una delle gallerie d’arte più famose di Londra, in occasione dell’evento “cornice” GQ Men of the Year, giunto alla ventiquattresima edizione, che rappresenta uno dei massimi momenti di incontro tra personaggi dello spettacolo internazionale. Ospiti di Brunello Cucinelli e della sua famiglia, alcuni attori d amici vicini al brand, tra i quali Jonathan Bailey, Jack O'Connell, il presidente e ceo del circuito della Formula 1 Stefano Domenicali e il campione del mondo di calcio dei mondiale 2006 Andrea Pirlo.

 Nel corso della serata GQ ha premiato tra gli altri Anthony Hopkins, il regista Quentin Tarantino e il cantante Ed Sheeran.

La dedica di Cucinelli

«Vorrei dedicare il mio premio alla mente e al cuore delle donne e degli uomini di ogni tempo e di ogni parte del mondo, ai miei maestri che con la loro parola illuminante mi hanno insegnato una visione universale del creato e quel capitalismo umanistico che oggi mi viene così benevolmente ed estesamente riconosciuto – ha detto Brunello Cucinelli, visibilmente emozionato –. È proprio grazie ad esso che nel lavoro abbiamo trovato e coltivato la dignità morale ed economica dell'essere umano, la garbata crescita, l'armonia tra il profitto e il dono e il rispetto del creato del quale, per la piccola parte alla quale sono stato chiamato, mi sento fedele e premuroso custode. Che il Creato ci protegga. Grazie, grazie a tutti».