Ricostruzione post sisma, si recuperano i beni culturali

Lo ha assicurato il premier Conte ai Vescovi delle zone terremotate del Centro Italia
Roma

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, partecipando presso la sede della Cei a una riunione con i Vescovi delle diocesi terremotate del Centro Italia, ha assicurato che nel volgere di una decina di giorni sarà approvata l'Ordinanza attuativa per il secondo piano di ristrutturazione dei beni culturali delle zone terremotate.

E’ questo un primo intervento per risanare l e circa alle 3 mila danneggiate dal sisma. L'Ordinanza ministeriale, infatti, si legge in una nota, ha una copertura di 300 milioni di euro e fisserà le modalità per l'avvio della ricostruzione di circa 600 chiese.

Nell'incontro, promosso dalla segreteria generale della Cei e presieduto dal cardinale Gualtiero Bassetti, non si è parlato solo dei luoghi di culto, ma sono state ricordate dai vescovi le istanze delle comunità locali e la loro sofferenza, "a fronte di uno Stato percepito come lontano o comunque in ritardo nel processo di ricostruzione".

Al presidente del Consiglio è stato anche riportato il disagio delle popolazioni interessate dal sisma dovuto a "un impianto legislativo stratificato nel corso del tempo e appesantito dai tempi della burocrazia".