Crisi di governo: Conte potrebbe salire già oggi al Quirinale

Berlusconi: "Rimettere alla saggezza politica e all'autorevolezza istituzionale del Capo dello Stato"
Roma

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte potrebbe recarsi già oggi, lunedì 25 gennaio, al Quirinale per conferire con il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, secondo quanto si apprende da fonti parlamentari della maggioranza.

Intanto è sceso in campo anche Silvio Berlusconi: "Nessuna trattativa - ha ribadito il leader di Forza Italia - è in corso, né ovviamente da parte mia, né di alcuno dei miei collaboratori, né di deputati o senatori di Forza Italia, per un eventuale sostegno di qualunque tipo al governo in carica". "La strada maestra è una sola: rimettere alla saggezza politica e all'autorevolezza istituzionale del Capo dello Stato - dice - di indicare la soluzione della crisi, attraverso un nuovo governo che rappresenti l'unità sostanziale del Paese in un momento di emergenza oppure restituire la parola agli italiani".
 

Matteo Salvini, a proposito delle eventuali dimissioni del premier, ha dichiarato che: "Si parla di dimissioni di Conte? Avrebbe già dovuto darle. C'è un piano vaccinale fermo, le scuole sono aperte in una città sì e una no, ci sono due milioni di posti di lavoro a rischio, e noi stiamo in ballo sugli umori di Conte, Di Maio, Zingaretti, e sulle trattative di Tabacci e Mastella. È irrispettoso, disgustoso, volgare, deprimente".