Un giovane spoletino disperso in mare in Puglia a Scalo di Furno

A causa delle forti onde sollevate dal vento è stato risucchiato
Argomenti correlati
Porto Cesareo

Il maltempo ha fatto una vittima umbra nel mare di Puglia. Il forte vento e le mareggiate hanno reso poco sicuro ieri fare il bagno in mare ed a farne le spese è stato un ragazzo di 19 anni, uno spoletino, Matteo Ubaldi, che si trovava in vacanza nella zona insieme alla propria famiglia e ad alcuni amici.

Il giovane spoletino, stava facendo il bagno nel mare di Scalo di Furno a Porto Cesareo, nota località turistica in provincia di Lecce, quando improvvisamente è stato portato al largo dalle onde e dalla forte corrente e non è più riemerso.

Il fatto è avvenuto ieri, intorno alle ore 16 ed insieme a lui c’erano anche il padre ed il fratellino di 8 anni, che sono stati salvati dai bagnini di un vicino stabilimento balneare prima che subissero la stessa sorte. La madre, in seguito all’accaduto, è stata colta da un malore ed è stata soccorsa sulla spiaggia dagli operatori del 118.

Sul posto sono intervenute le forze dell’ordine locali che hanno inizato subito le ricerche del giovane utilizzando motovedette, idromoto ed un elicottero della guardia costiera partito da Taranto, operazioni che sono state ostacolate a causa delle avverse condizioni del mare.